NAVE ROMANA APPRODA NEI PORTI DELLA VAL DI CORNIA

Il 29 giugno alle ore 18.00 approderà al Porticciolo di Salivoli, ed attraccherà invece a quello di San Vincenzo intorno alle 17 di giovedì 1° luglio la cymba romana, con il suo equipaggio di 12 persone, che sta ripercorrendo il viaggio compiuto da Rutilio Namaziano tra il 415 e il 417 d. C.
Seguendo il diario di viaggio del poemetto latino del v secolo dopo Cristo scritto dal proprietario dell’imbarcazione, il “De reditu suo”, l’equipaggio ripercorre dal 26 giugno al 5 luglio la rotta seguita da Rutilio lungo le coste toscane, da Marina di Grosseto a Pisa.

Rutilio era un signore romano (fu anche prefetto di Roma nel 412) che decise di tornare alle sue proprietà di Provenza, in seguito all’invasione dei Goti e alle distruzioni che essi provocarono in tutta Italia, poi in Provenga e in Spagna.
E il ritorno avvenne via mare, con diverse imbarcazioni di medie dimensioni, come la cymba.
La nave, cymba appunto, è stata ricostruita sul modello di un relitto romano conservato nel Museo delle Navi di Fiumicino, ed è il risultato della collaborazione fra archeologi, un progettista di barche, un maestro d’ascia, un regista e un produttore cinematografico.

Infatti questa iniziativa è stata affiancata dalla realizzazione di un vero e proprio film “De reditu-Il ritorno” del regista Claudio Bondì, dove vengono narrate le vicende del viaggio e ricostruito il clima storico dell’epoca.
Alle ore 21.00 del 29 giugno al Museo archeologico del Territorio di Populonia, e il 1° luglio alle 22 all’arena cinematografica estiva di via Confalonieri a San Vincenzo, sarà proiettato il film “De Reditu – Il ritorno” -ispirato al viaggio di Rutilio Namaziano- del regista Claudio Bondi.
La nave approderà anche al porticciolo di Baratti il giorno 1 luglio alle ore 12.00.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 29.6.2004. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 16 giorni, 13 ore, 5 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it