GUERRIERI E RICCI RACCONTANO «STORIE DI CACCIA»

Il volume, scritto a due mani da Luciano Guerrieri e Fernando Aroldo Ricci, sarà presentato al pubblico sabato 26 giugno.
L’incontro, al quale parteciperanno i due autori, si svolgerà nella sala conferenza della Biblioteca civica Falesiana alle ore 17.30.

Passione e avversione, amore e odio, divertimento e lavoro: il dualismo e le contraddizioni, spesso apparenti, che da sempre contraddistinguono quella complessa e atavica attività umana che è la caccia, sono anche il filo conduttore del volume Storie di caccia sul promontorio di Piombino. Un libro che piacerà ai cacciatori, in particolare ai molti piombinesi che in esso si riconosceranno (nella ricerca, che è alla base dei testi degli autori, sono confluiti numerosi ricordi e testimonianze), ma che è scritto per tutti.

E’ questa la chiave di lettura offerta nell’introduzione dal curatore dell’opera, Roberto Becherucci: Ragione e sentimento: le due anime della caccia. Né a favore, né contro, quindi, ma più semplicemente il racconto (appassionato, questo sì) di un mondo di sensazioni e sentimenti contrastanti, in cui trovano spazio l’amicizia, il rispetto per la natura e persino la pietà. I testi, suddivisi in sezioni tematiche, sono di Aroldo Fernando Ricci (La caccia al cinghiale) e Luciano Guerrieri (La caccia al colombaccio).

La sezione dedicata ai ricordi, alle tecniche, ai luoghi ed ai personaggi dell’arte venatoria piombinese è integrata dalle pagine seguenti, che contengono i contributi storici di Marisa Giachi (Note e documenti storici) e Remo Bagnasco (Ars venandi. Cenni storici nei secoli XII-XVI). Completa il volume una raccolta di ricette (La caccia in cucina), tratte dal Codice della Cucina livornese di Luciano Bezzini e Umberto Creatini. Le illustrazioni sono di Massimo Panicucci, realizzazione Star Studio, stampa Bandecchi & Vivaldi Pontedera.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 25.6.2004. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 16 giorni, 13 ore, 0 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it