«RITRATTI DI FABBRICA» DALLE COLLEZIONI ALINARI

Il Comune di Piombino e il Museo di Storia della Fotografia Fratelli Alinari presentano al Castello una interessante mostra fotografica dal titolo “Ritratto di fabbrica – Altiforni, fonderie e acciaierie di Piombino nelle immagini delle Collezioni Alinari” che sarà inaugurata martedì 29 alle ore 18,00.

La mostra presenta le fotografie di un prezioso album realizzato da Pietro Salvini (1871-1950) e custodito nelle collezioni del Museo di Storia della Fotografia Fratelli Alinari di Firenze. Si tratta di 27 fotografie riprodotte e stampate nei laboratori degli Archivi Alinari nei formati 50×70 e 70×100, oltre all’album originale esposto in bacheca.

Pietro Salvini opera a Firenze, il suo atelier è conosciuto ed apprezzato dalla borghesia fiorentina per la sua intensa attività ritrattistica rivolta ad una clientela molto esclusiva. L’album, che porta impresso il titolo “Alti Forni Fonderie e Acciaierie di Piombino”, offre una splendida serie di fotografie commissionate probabilmente a Salvini, inusuale a questo tipo di lavoro, da qualche cliente di rango legato al mondo imprenditoriale. La sua datazione risale ai primi del Novecento, periodo in cui inizia ad affermarsi la prima grande industrializzazione italiana. Le foto contenute, scatti di rara bellezza, illustrano gli interni e gli esterni del grande impianto industriale localizzato a Piombino nei suoi primi anni di nascita, con un insieme di vedute complessive della città e dei quartieri operai in espansione.

Immagini particolari, silenziose, ambienti deserti, macchine in solitudine, ciminiere prive di fumo, la presenza umana quasi inesistente, la rappresentazione di un momento, di un periodo, che evoca un conflitto tra macchina e uomo. Un documento importante, come si evince dal testo introduttivo alla mostra scritto dal Professor Ivano Tognarini, Docente di Storia Moderna all’Università di Siena e di Archeologia Industriale all’Università di Arezzo, che riveste un notevole interesse non solo per il suo valore storico, ma sopratutto per l’approfondita riflessione sugli enormi cambiamenti intervenuti nell’ultimo secolo posti a confronto con l’attuale tessuto produttivo della città.

Parteciperanno all’inaugurazione l’ex sindaco Luciano Guerrieri, che ha promosso la manifestazione, ed il neosindaco Gianni Anselmi.

L’esposizione sarà in mostra al Castello di Piombino
dal 30 giugno al 13 Luglio 2004.
orario: tutti i giorni 10,00-12,00/18,00-23,00
(chiuso il lunedì).

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 24.6.2004. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 23 giorni, 9 ore, 5 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it