PIOMBINO: VERTICE ANSELMI-MARTINI SULLA LUCCHINI

Il Sindaco Gianni Anselmi a Firenze per un vertice della giunta regionale sulla sicurezza nello stabilimento piombinese. Il comunicato del presidente Martini.

Il presidente della regione Claudio Martini ha invitato Gianni Anselmi a partecipare ad una riunione della giunta toscana, convocata per lunedì prossimo 21 giugno: sul tavolo i problemi della sicurezza all’interno della fabbrica piombinese, un tema purtroppo annoso per la comunità locale, tragicamente rinnovato dagli incidenti mortali che si ripetono con preoccupante scadenza.

La notizia del vertice fiorentino è stata diffusa ieri con un comunicato dell’ufficio stampa del presidente toscano, nel quale si afferma la volontà di “individuare le misure rivolte ai problemi che investono la città e la sua più grande realtà produttiva: le acciaierie Lucchini. Quest’ultimo è un polo siderurgico importante per il territorio – prosegue la nota -ma la morte di Giancarlo Francioni avvenuta martedì scorso, a cui si somma l’incidente avvenuto oggi (sono crollati al suolo 50 metri di nastro che trasporta il carbone) devono far comprendere alla dirigenza della Lucchini che è necessaria una maggiore responsabilità per garantire a tutti i lavoratori il diritto inalienabile al lavoro, alla salute, alla sicurezza”.

Tra i partiti di Piombino, in una nota Rifondazione comunista ha espresso la propria solidarietà al Sindaco e alle istituzioni ed al Sindacato per le intimidazioni subite.
Alessandro Favilli, Coordinatore circoli PRC Val di Cornia Elba Piombino ha così commentato: “Nel clima di tensione seguito agli ultimi incidenti sul lavoro ed all’insicurezza sugli impianti percepita dai lavoratori della Lucchini Siderurgica si inserisce una strategia di provocazioni che va respinta ed isolata.
Queste azioni danneggiano la nostra democrazia ed il movimento dei lavoratori nella loro difficile lotta per migliori condizioni di vita.
L’unica percorso che garantisce in tutto il mondo i più deboli è l’azione non violenta di massa come attuata recentemente dai Sindacati e dai lavoratori alla Fiat di Melfi”.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 19.6.2004. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 23 giorni, 9 ore, 6 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it