RICCI: ALLA CIRCOSCRIZIONE PER AMORE DI BARATTI

Intervistiamo oggi Dario Alfonso Ricci, un giovane Piombinese residente a Baratti che ha deciso di presentarsi da indipendente nelle liste della Margherita per la Circoscrizione di Populonia-Fiorentina; e di cose, sia da dire che da fare, sul territorio dove abita da sempre, sembra ne abbia da dire parecchie.

Cosa l’ha spinta, da indipendente, a candidarsi per la sua circoscrizione?

Principalmente l’amore che provo per la terra dove vivo. Terra di storia di tradizioni e di bellezze paesaggistiche uniche, realtà che vanno salvaguardate ad ogni costo.
Credo che per poter amministrare discretamente una realtà come la circoscrizione di Fiorentina Populonia sia necessario sopra ogni cosa conoscerne bene il territorio e viverci sia in estate che in inverno.
Difatti abito a Baratti e conosco bene le realtà (sia positive che negative) che quotidianamente aleggiano su questo territorio.
Non ho la presunzione di dire che sarò in grado di risolvere tutti i problemi in un colpo solo, ma una cosa è certa mi impegnerò fortemente affrontando fino alla sua risoluzione una problematica per volta, contando peraltro e soprattutto sui suggerimenti dei residenti del posto e dei gestori delle varie attività economiche, poiché nessuno più di loro è in grado di saperle meglio.

Leggi Tutto…


Baratti: perla del golfo oppure campo profughi invaso dai camper dei turisti? Il parcheggio delle caldanelle sarà sempre sotto utilizzato?

Uno dei primi argomenti che affronterò se dovessi essere eletto sarà proprio questo.
Via immediatamente i camper e le roulottes da Baratti a partire dal 15 aprile fino al 30 settembre (in inverno si potrebbe anche tollerarne la loro presenza), garantendo così più parcheggi per auto e moto ai cittadini Piombinesi e non, che vogliono godersi per poche ore un pò di meritato riposo sulla spiaggia del golfo senza l’angoscia di dover trascorrere una mattinata sotto l’afa nella vana ricerca di un posto che non c’è.
Per quanto riguarda il parcheggio delle caldanelle devo dire che è inutile costruirne altri, in quanto nel momento che gli attuali parcheggi esistenti dentro Baratti (qualora siano sgomberati dall’invasione dei camper) vanno in saturazione, sul territorio, sulla strada, nella spiaggia,nei ristoranti e nei bar non c’è più spazio materiale per accogliere altre persone. Quindi aumentando i parcheggi creiamo solamente una situazione insostenibile e disordinata e per le capacità ricettive esistenti il collasso totale. Senza citare il pericolo per l’ordine e la sicurezza pubblica. Immagini la tragedia che si compirebbe se accidentalmente si verificasse un pauroso incendio nella pineta o nei parcheggi adiacenti alla spiaggia nel periodo in cui Baratti è all’apice delle presenze, in tali circostanze non riuscirebbero nemmeno a transitare i mezzi di soccorso. (Questione che affronterò già durante l’estate: la sicurezza per bagnanti , escursionisti e turisti).
Ritornando ai camper vedrei bene il loro collocamento nell’inutile parcheggio delle caldanelle, ovviamente attrezzandolo con fogne, illuminazione acqua e quant’altro necessario al decoro che in questi casi è d’obbligo, per così poi esigere un giusto e congruo pedaggio per la sosta di detti mezzi. E perché no la realizzazione di una pista ciclabile che colleghi tra loro Populonia Stazione, parcheggio delle Caldanelle, Baratti, Populonia Alta.

L’erosione del golfo: quali soluzioni?

Qualche cosa è necessario fare, anche se credo che la soluzione a tale problema non sia semplice, in questi casi nemmeno la scienza e la tecnologia riesce a dare risposte certe, è un pò come voler comandare alla natura, spesso noi umani abbiamo la presunzione di fare anche questo. Io credo che bisognerebbe guardare indietro di molti molti anni, il mare a volte leva e a volte mette, esistono spiagge che decine di anni fa non c’erano e ora si, altre che prima c’erano e ora non ci sono più, pensi alle isole di sabbia che spesso appaiono e scompaiono negli oceani e anche in alcuni tratti del mediterraneo ovviamente ben oltre il canale di Piombino.
Comunque è stato fatto uno studio accurato da parte di tecnici preposti e sicuramente validi e pare che una soluzione ci sia. Staremo a vedere, resto convinto però che le correnti marine, ne si comandano e nemmeno si eliminano tanto facilmente vista peraltro la scarza conoscenza dei fondali marini da parte dell’uomo, sarebbe già una vincità non rovinare ulteriormente quello che la natura ancora oggi ci offre. Pensiamo senza andare molto lontano alla spiaggia di Cavo all’isola D’Elba che è stata completamente rovinata, alla spiaggia di Salivoli che non basterebbe tutta la sabbia del Pò per riuscire acreare una battigia stabile.

In una nostra recente intervista l’Assessore Ferrini ha detto che se verrà rieletto intende “utilizzare la cornice di Baratti per eventi musicali”, cosa ne pensa?

Penso che Baratti e Populonia siano luoghi d’arte, di cultura, di storia, di meditazione e di contemplazione con la natura. Ritengo che i concerti ROCK stiano meglio negli stadi o nei Palasport, e non certo nel castello di Populonia e tanto meno nella pineta di Baratti.
Ben vengano invece rievocazioni storiche, saggi di teatro , musica classica e tutto quello che ben si intona con l’essenza che promana questo luogo.
Sono d’accordo invece su creare musica e opportunità d’incontro per giovani e meno giovani nel quartiere di Populonia Stazione o nel campo sportivo di Fiorentina.

Sappiamo che lavora come Geometra per una ditta che opera spesso per conto del comune di Piombino, non trova che ci sia un conflitto tra i due incarichi?

C’è differenza tra essere il Presidente del Consiglio della Circoscrizione di Fiorentina, ed il Presidente del Consiglio dei Ministri, per favore rimaniamo con i piedi per terra e cerchiamo di vedere meno conflitti e più operatività da parte di tutti gli amministratori.
Essere geometra di un’impresa che opera spesso per conto del comune non credo proprio sia
una situazione conflittuale.
Allora In un piccolo paese dove tutti si conoscono esiste un eterno conflitto, ad esempio il fruttivendolo amico del sindaco è diventato consigliere comunale, l’assessore prima lavorava come autista dei pullman e conosce bene tutti i funzionari comunali, il nuovo sindaco lavorava come geometra all’Enel e anche lui conosce tutti, senza contare che il nuovo assessore era prima barbiere di fiducia dell’amministrazione comunale ecc….
In questo caso tutta l’Italia è un conflitto di interessi, per non esserlo più bisognerebbe eleggere solamente cittadini stranieri mai transitati per l’Italia.

Quali saranno le prime tre priorità che intenderebbe risolvere nel caso che le fosse affidata la presidenza della Circoscrizione di “Populonia – Fiorentina”?
Sarò sintetico:
Riorganizzazione del traffico su Baratti (Camper, Parcheggi pista ciclabile e Sicurezza)
Ripristino delle strade dissestate di Populonia Stazione e interventi di Illuminazione Pubblica.
Metanizzazione Fiorentina, e fognature.

Nel suo manifesto elettorale dice di voler “migliorare e proteggere Fiorentina, Baratti e Populonia, come volete voi!”.
Da cosa? E quale messaggio vuole inviare all’elettore?

Proteggere significa evitare la devastazione da parte di un turismo mal organizzato che troppo prepotentemente si impone portandoci pochi guadagni e molto caos, vedi il problema Camper, l’alaggio barche a Baratti, le seconde e terze case che vuoi per l’alto costo o per altre cause spesso sono realizzate quasi esclusivamente da persone che vivono nelle grandi città e che le usano solamente pochi giorni all’anno e magari pure costruite da imprese forestiere. Vedi il problema Fabbricciane il quale credo sia quasi irrisolvibile. Proteggere Baratti da una eventuale se pur remota possibile cementificazione, proteggere e dare priorità alle esigenze dei cittadini residenti.
In più voglio segnalare alle persone della circoscrizione, che farò di tutto per ascoltare i loro problemi cercando di coinvolgere la cittadinanza alla risoluzione dei grandi e dei piccoli problemi “proprio come vogliono loro”….l’unione fa la forza.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 3.6.2004. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 22 giorni, 9 ore, 17 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it