PAZZAGLI: NOVE ANNI DEDICATI A SUVERETO

Rossano Pazzagli si è congedato ufficialmente da primo cittadino di Suvereto nell’ultimo consiglio comunale, rivisitando realizzazioni e problematiche del suo doppio mandato.

Rossano Pazzagli veniva da una storia di lavoratore e studente, la laurea in lettere, poi approdato alla ricerca universitaria. Quando anche a Suvereto nel 1995 si verificarono i fermenti di una politica che cercava nuove strade, dopo anni di contrapposizione fra centro e sinistra, Pazzagli, ai suoi primi approcci in questo ambiente, fu subito individuato idoneo ad impersonare questo cambiamento. Coordinò infatti le assemblee programmatiche fra sinistra, popolari e molti «curiosi» del nuovo corso, fino a diventare sindaco, non senza difficoltà ed anche polemiche dovute al necessario rodaggio della nuova realtà.

«E’ stato un decennio di fatiche e di risultati, di passione e di entusiasmo – ricorda Pazzagli – nel quale il nostro paese ed il nostro territorio sono profondamente cambiati, non voglio dire solo grazie a noi che pur lo abbiamo governato, orientato, sostenuto e limitato quando necessario. Ma possiamo affermare che oggi Suvereto è un paese migliore, con un’identità più marcata e in grado di misurarsi col mondo esterno senza timori reverenziali.
E’ stata anche per me un un’esperienza straordinaria che mi ha arricchito molto sul piano umano e politico e di questo sono infinitamente grato a tutti i suveretani, a cominciare dai consiglieri comunali, gli assessori, il segretario comunale e tutto il personale».

Ripercorrendo la legislatura, ha sottolineato i numeri che certificano il notevole sviluppo agricolo (dal 1995 le aziende imbottigliatrici di vino sono passate da 10 a 22, da zero a 20 nel settore olio) e quello turistico con un più 115% di presenze, il più alto dell’intera provincia, oltre al patrimonio ricettivo che si è moltiplicato, pur con tutte le problematiche conseguenti (maggiori servizi ecc.) che bisognerà ora gestire.

«Qualificati osservatori e studiosi hanno evidenziato in diverse importanti occasioni il ruolo di Suvereto in Val di Cornia e provincia – ha concluso Pazzagli – considerandolo uno dei più attivi tra i piccoli comuni della Toscana. Chi verrà dopo di noi dovrà affrontare con determinazione i nuovi problemi, ma con la forza dei risultati raggiunti, e sono soddisfatto che ci sia questa volta anche una seconda candidatura, per un maggior confronto e la stessa continuità della classe politica locale».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 25.5.2004. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata quella di vero inizio della crisi economica di Piombino. Da allora sono passati solo
    5 mesi, 12 giorni, 14 ore, 45 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it