VENTURINA: LE SCULTURE DI MARIO FRATI AL MUSEO DEL LAVORO

E’ aperta fino al 29 maggio negli spazi del Museo del Lavoro di Venturina la mostra dello scultore Mario frati ” Ottocento in Toscana”, organizzata dall’assessorato alla cultura del Comune di Campiglia e dal Comitato Cittadino Venturina in concomitanza con Costa Toscana Economy.

La mostra è un gradito ritorno nell’area fieristica dove lo scultore aveva partecipato nel 1994 alla rassegna d’arte contemporanea Etruriarte.
Lo scultore sanvincenzino predilige la scultura in pietra e racconta così le sue creazioni “…al ritmo del martello e dello scalpello di Mario. I marmi e le pietre sprizzano musica e canto. Ed i semplici si fermano ad ascoltare battendo le mani”.

La mostra comprenderà una ventina di opere e intende rappresentare, come indica lo stesso titolo, uno scorcio di vita dell’Italia contadi a dell’Ottocento e del primo Novecento. I temi richiamano il trasporto del grano con i bovi, l’asino con la soma, il bucato nella conca ed altri momenti di vita quotidiana.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 24.5.2004. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 18 giorni, 16 ore, 21 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it