VENTURINA: LE SCULTURE DI MARIO FRATI AL MUSEO DEL LAVORO

E’ aperta fino al 29 maggio negli spazi del Museo del Lavoro di Venturina la mostra dello scultore Mario frati ” Ottocento in Toscana”, organizzata dall’assessorato alla cultura del Comune di Campiglia e dal Comitato Cittadino Venturina in concomitanza con Costa Toscana Economy.

La mostra è un gradito ritorno nell’area fieristica dove lo scultore aveva partecipato nel 1994 alla rassegna d’arte contemporanea Etruriarte.
Lo scultore sanvincenzino predilige la scultura in pietra e racconta così le sue creazioni “…al ritmo del martello e dello scalpello di Mario. I marmi e le pietre sprizzano musica e canto. Ed i semplici si fermano ad ascoltare battendo le mani”.

La mostra comprenderà una ventina di opere e intende rappresentare, come indica lo stesso titolo, uno scorcio di vita dell’Italia contadi a dell’Ottocento e del primo Novecento. I temi richiamano il trasporto del grano con i bovi, l’asino con la soma, il bucato nella conca ed altri momenti di vita quotidiana.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 24.5.2004. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata quella di vero inizio della crisi economica di Piombino. Da allora sono passati solo
    5 mesi, 16 giorni, 10 ore, 5 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it