750.000 EURO PER INVESTIRE SUL FUTURO DEI GIOVANI

Un assessore Polverini visibilmente emozionata ha presentato mercoledì 21 aprile nella sala della Circoscrizione Porta a terra il progetto per il nuovo Centro giovani che a partire dai primi mesi del 2006 entrerà in funzione nella palazzina ex Pegaso di via della Resistenza (lato acciaierie).

«Fate presto, siamo giovani per poco», con questa frase Simonetta Polverini, assessore alle politiche sociali del Comune di Piombino ha aperto la conferenza stampa sulla presentazione del nuovo centro giovani che verrà situato nei locali «Ex pegaso» lato acciaierie.
«Il Centro giovani è stato uno dei primi problemi che mi si è presentato quando, ormai sei anni fa, chiuse definitivamente il centro OZ in Via Corsica, esperienza che con le sue luci ed ombre comunque consideriamo conclusa».

«Il nuovo Centro – continua l’assessore Polverini – nasce dalla volontà dei giovani, sia di quelli dell’associazione giovanile di Piombino FOB, che del Forum della Val di Cornia, un associazione informale di tutte le associazioni giovanili, del movimento studentesco, e di tutti i giovani interessati. E’ stato fatto anche un questionario nelle scuole medie per avere un confronto diretto per l’elaborazione del progetto che è stato affidato all’architetto Piras».

Il nuovo Centro giovani sarà una struttura multifunzionale, che dovrebbe nascere tra la fine del 2005 e i primi mesi del 2006, con sale per fare ed ascoltare musica e teatro, aule per attività educative e di studio, l’informagiovani, lo sportello di promozione all’impresa e di decentramento universitario e un consultorio adolescenziale. L’ufficio tecnico del Comune sta realizzando il nuovo progetto per il Centro, che dovrà servire un territorio vasto (la Val di Cornia) e quasi 11mila giovani.

«I soldi per realizzare l’opera sono giunti dalla regione, – precisa il responsabile degli Affari Sociali Alessandro Bezzini – anche grazie allo stanziamento di 700mila euro da parte del Cipe, che dovrebbero coprire gran parte delle spese attuative. In totale infatti dovrebbero servire 800mila euro per garantire la realizzazione e l’avvio del nuovo Centro giovani (750mila stanziate nel 2004 per la costruzione della struttura e 50mila stanziate nel 2005 per tutte spese per avviare la conduzione)».

«Spero veramente – conclude l’assessore – che ragazzi e ragazze discutano ancora su questo progetto, pensando a cosa vogliono che sia questa struttura, che non sarà un «ghetto» dei giovani, ma anzi questi dovranno essere i veri promotori di iniziative per la città, e discutere inoltre sulle modalità di gestione della struttura. Questo sarà quindi un contenitore di idee che dovrà rinnovarsi continuamente al cambiare delle generazioni giovanili, che quindi saranno promotori di idee ed iniziative in modo totalmente integrato con le altre realtà della città».

PREMI
PER GUARDARE IL PROGETTO E LA DOCUMENTAZIONE


Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 22.4.2004. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 20 giorni, 21 ore, 21 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it