EDUCAZIONE AMBIENTALE AL PARCO DI MONTIONI

I locali della ex scuola di Montioni sono stati attrezzati per ospitare un laboratorio dove si possono osservare, opportunamente ingranditi e proiettati su un monitor, quei minuscoli dettagli presenti nei campioni raccolti in natura, che normalmente sfuggono a occhio nudo – per esempio licheni, macroinvertebrati dei corsi d’acqua, particolari di fiori, foglie, insetti.

Le guide ambientali che conducono le attività del laboratorio sono state opportunamente formate dai tecnici dell’ARPAT per illustrare come si possono monitorare le variazioni della qualità dell’aria e dell’acqua attraverso l’utilizzo di indicatori biologici, quali sono appunto i licheni (per la qualità dell’aria) e i macroinvertebrati (per l’acqua dolce).
Gli studenti ai quali si rivolge questa proposta formativa hanno l’opportunità di diventare “biologi per un giorno” e avvicinarsi alla conoscenza degli elementi naturali e del complesso funzionamento degli ecosistemi nei quali sono inseriti, come è accaduto martedì 6 aprile ad un gruppo di circa cinquanta ragazzi della scuola elementare “E. Fermi” di Prato, che, cimentandosi nella raccolta in natura degli esemplari da osservare, hanno poi scoperto le meraviglie nascoste del “microcosmo”.

Il laboratorio di educazione ambientale, oltre a questa proposta, offre a scuole e gruppi anche esperienze di apprendimento delle tecniche per muoversi con sicurezza in ambienti poco conosciuti, e privi di riferimenti convenzionali (semafori, negozi, strade), facendo uso di carte e strumenti topografici.

L’attività si svolge nella splendida cornice del Parco di Montioni, che rappresenta uno degli ambienti più fecondi per l’osservazione naturalistica, grazie alla sua estensione, allo lontananza da possibili cause di disturbo (centri abitati, strade trafficate), e alle sue caratteristiche naturali intrinseche. L’esperienza formativa è completata ovviamente dall’illustrazione delle testimonianze storiche e delle attività che hanno caratterizzato il passato, lontano e recente, di questo affascinante luogo: la presenza Napoleonica, l’estrazione dell’allume, la cultura materiale legata al bosco e ai difficili mestieri del boscaiolo, del carbonaio, del vetturino.

Le scuole che fossero interessate a prenotare il laboratorio possono contattare l’ufficio prenotazioni della Parchi Val di Cornia S.p.A. tel. 0565 226445 – fax 0565 226521 – email promo@parchivaldicornia.it

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 17.4.2004. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 19 giorni, 4 ore, 47 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it