DIBATTITO SULLA FECONDAZIONE ASSISTITA A VENTURINA

I DS di Venturina hanno organizzato una conferenza dal titolo “Procreazione assistita: laicità, libertà e diritti contro una legge disumana e oscurantista” che si svolgerà lunedì 22 marzo alle ore 21.00, nella locale Saletta della delegazione comunale.

“La legge sulla fecondazione assistita, recentemente approvata in parlamento, non solo è pessima dal punto di vista tecnico, poiché limitata fortemente la libertà terapeutica dei medici, penalizzando la loro professionalità, limitando le prestazioni – sostengono gli oppositori della legge ai quali di uniscono i DS di Venturina – ma ha anche lo scarso merito di riprodurre una lacerazione fra laici e cattolici nel nostro Paese, di cui nessuno sentiva il bisogno. Inoltre, questa legge mette in discussione l’universalità dei diritti alla salute, alla sessualità, alla procreazione ed incrementa disuguaglianze economiche, visto che queste prestazioni vengono cancellate dal sistema sanitario”.

Approfondire l’argomento sarà il compito del Dottor Ettore Barale, direttore del centro di procreazione medicalmente assistita dell’ospedale della Versilia, e a questa iniziativa parteciperanno, inoltre, il sindaco di Campiglia Marittima, Silvia Velo, la segretaria Ds di Venturina, Lara Redditi e la coordinatrice Provinciale di Pisa delle donne Ds., Rosa dello Sbarba.

“Con lo scopo di sensibilizzare il pubblico sulla necessità di conoscere e introdurre modifiche su questa nuova legge – dice Lara Redditi – speriamo nella più ampia partecipazione. In realtà il tema, anche se apparentemente può rivestire un interesse non generalizzato, riguarda invece in linea di principio tutte le famiglie e le coppie dal punto di vista della tutela della loro libertà di scelta”.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 17.3.2004. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 22 giorni, 9 ore, 36 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it