SAN VINCENZO: NUOVI POZZI PER L’IRRIGAZIONE

Per alleggerire il prelievo di acqua potabile dai pozzi dell’Anello che riforniscono San Vincenzo il Comune ha finanziato un progetto, per circa 100mila euro, con cui verrà ampliato e potenziato un acquedotto irriguo da realizzare nell’area Santa Costanza-San Bartolo.

«Nel nostro piccolo stiamo cercando di salvaguardare la risorsa acqua, differenziandone il prelievo – spiega Michele Biagi, assessore ai lavori pubblici del Comune di San Vincenzo – così da destinare quella potabile solo all’uso civico, mentre per l’irrigazione di campi e giardini puntiamo sulle acque non utilizzabili in acquedotto, non di qualità».

L’opera in questione, realizzata dall’ASA, garantirà acqua per irrigazione in una zona pianeggiante e ricca di coltivazioni, giardini e impianti sportivi, situata nella zona sud del Comune.
Verranno impiegati al meglio i pozzi esistenti non utilizzati per l’impianto di acqua potabile.

L’acqua così ottenuta potrà garantire l’approvvigionamento per l’irrigazione degli impianti sportivi, degli spazi verdi delle nuove lottizzazioni (Santa Costanza) e per i terreni agricoli.
L’acqua prelevata sarà prima “depositata” nella vasca di accumulo già esistente, la cui capacità verrà aumentata dagli attuali 10 metri cubi a 50.
Da qui partirà poi l’acquedotto, che si svilupperà per oltre un chilometro lungo via Biserno, ed è lungo questa tratta che si potranno poi collegare i privati interessati e gli impianti sportivi.
La portata della condotta è stata calcolata in 14 litri/secondo, per una portata media giornaliera di 1200 m3 al giorno, che si presume sarà utilizzata per circa 200 giorni all’anno nei mesi di massimo consumo.

Si prevede che i lavori saranno realizzati prima dell’inizio dell’estate.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 29.2.2004. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 18 giorni, 16 ore, 25 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it