CAPPUCCETTO ROSSO APRE LA STAGIONE DEL TEATRO DEI BAMBINI

«Cappuccetto Rosso» dei Pupi di Stac apre la nuova stagione teatrale organizzata dal comune di Piombino nell’ambito della Città dei Bambini, la cui rappresentazione è prevista per giovedì 12 febbraio alle ore 17,00 al Metropolitan.

Lo spettacolo sostituisce “il Riciclone” della Compagnia Pupi e Fremesse Teatro di Rifredi, precedentemente inserito nel programma ma soppresso all’ultimo momento per un imprevisto della Compagnia stessa.

Ambientata nella campagna toscana, con lazzi e intermezzi tipici della tradizione toscana, la favola di Cappuccetto Rosso corre su un doppio binario: la vicenda di una bimba che va a portare un cestino di provviste alla nonna ammalata, e l’intervento di un lupo, appassionato lettore di novelle, che vuol mettere in pratica quello che ha appena appreso da un libro trovato per caso. Il volumetto è un po’ sciupato e manca l’ultima pagina, sicchè la bestia non sa il destino che lo attende…

Anche la tecnica utilizzata è doppia: burattini in baracca e attori sul palcoscenico si sostituiscono nei vari episodi della celebre storia aumentando l’emozione dei piccoli spettatori.
Conosciuti da anni per il loro repertorio basato sulla ricerca e sull’ elaborazione di antiche fiabe popolari toscane, i Pupi di Stac hanno consolidato la propria presenza anche nel Teatro di Figura italiano partecipando con regolarità e successo alle maggiori rassegne del settore anche a livello internazionale.

La stagione teatrale prevede altri tre appuntamenti: il 20 febbraio “I musicanti di Brema” dell’Accademia Perduta Romagna Teatri; il 10 marzo “Cenerentola” della Compagnia della Ranciaverdeblu; e per finire il 19 aprile, “Pollicino in Pista” del Giallo Mare Minimal Teatro.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 10.2.2004. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 23 giorni, 9 ore, 26 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it