GIOVANI, LAVORO E NAUTICA LE PRIORITA’ DI ANSELMI

Una serata di moderna politica, basata su un talk show, è quella che ci hanno riservato i rappresentanti dell’ulivo per presentarci il nuovo sindaco di Piombino Gianni Anselmi giovedi 5 febbraio al Metropolitan.

Presentata Luca Carrara, la serata ci mostrava sul palco del Metropolitan alcune delle persone più rappresentative della cittadinanza nei vari campi della società, dal lavoro al volontariato, dalla sanità al commercio. Ha preso per primo la parola l’attuale sindaco di Piombino Luciano Guerrieri, che ha riassunto alla platea i risultati del suo impegno per due legislature alla guida della città, mostrando che tanto è stato fatto, ma che ancora bisognerà lavorare, ed in tal senso ha lasciato moralmente lo scettro al nuovo candidato sindaco, per traghettare la città verso uno stabile benessere economico.

Concluso l’intervento del sindaco Guerrieri, hanno preso parola gli invitati al dibattito, partendo dal presidente dell’Arci dottor Vittorio Pineschi che tra una riflessione e l’altra ha lamentato uno scarso interesse da parte dell’Amministrazione comunale per i 22 anni di gestione del campeggio Sant’albina da parte dell’Arci Piombinese, ora che si avvicina la sua cessione ai privati per realizzarci una struttura turistica privata.

Sandra Vitiello invece denunciato la stasi del commercio a Piombino, e con l’occasione ha ricordato al futuro sindaco il lavoro fatto per la valorizzazione di Piazza della Costituzione. Walter Demi, che possiede un’attività commerciale nella borgata Cotone, ha denunciato invece l’alto grado di inquinamento al punto che “ci sono giorni che bisogna uscire con la maschera”.

A Valerio Fabiani, rappresentante dei giovani DS, al quale è stato chiesto cosa pensa della fuga dei giovani cervelli della città, ha risposto che bisogna lavorare sulle emergenze lavorando sul mondo del lavoro e sulla creatività giovanile e ricordando che i giovani di Piombino attendono il nuovo centro giovani ormai da tanti anni promesso. A Fabio Canessa critico cinematografico e docente presso una scuola superiore della città, a cui è stato chiesto cosa devono fare gli adulti per i giovani. La Risposta è stata che gli adulti devono fare delle scelte precise e non ambigue, e lasciare alle giovani generazioni la possibilità di accettare questi scelte o meno.
Leggi Tutto…

Benito Ovidi presidente della San Vincenzo de Paoli ha invece parlato dell’attività dell’associazione degli impegno nel sociale e nell’aiuto per i nuovi poveri, senza dimenticare l’emergenza dei carcerati che al termine della pena devono essere riintegrati nella società.

Mirco Lami responsabile della sicurezza e dipendenti Lucchini ha ricordato di non dimenticare il problema della sicurezza perché nel nostro territorio ci sono molti incidenti mortali sul lavoro. E proprio notizie di incidenti mortali sul lavoro sono quelle che non vorrebbe dare mai Sara Chiarei, conduttrice di un tiggì locale, che ha anche ricordato che prioritari sono i concetti di pace e diversificazione per l’economia locale.

A Patricia Ernandez, extracomunitaria e operatrice presso il circolo Samarcanda, è stato chiesto di dire due cose belle e due cose brutte della città: tra le cose brutte c’è il forte inquinamento con quella brutta nuvola di fumo che la fa sentire spesso male, e il traffico che è assurdo per una città così piccola. Tra le cose belle un promontorio stupendo, è una qualità della vita, in parte rovinata dai piombinesi che sono, addetta sua, un popolo chiuso e triste.

Il dottor Micheli primario dell’ospedale di Villamarina ha invece mostrato alla platea i problemi della sanità piombinese, indicando i mali principali dell’ospedale come ad esempio la gestione delle urgenze, il rischio di chiusura della maternità, aumentare gli investimenti per il reparto di medicina e in generale ha chiesto al futuro sindaco di investire in professionalità e tecnologia per non privare del giusto prestigio l’ospedale di Villamarina; Valerio Torriti di cittadinanza attiva, ha ricordato che il cittadino ha voglia di partecipare alle scelte ma deve essere stimolato.

Valerio Malotti operaio interinale presso la Magona ha invece illustrato i problemi che ha un giovane lavoratore che non può gestire il suo futuro a lungo termine per la precarietà del contratto.

Riccardo Marzucchi ha invece ricordato che le scelte sulla nautica da diporto sono state giuste e che devono essere prese delle sagge decisioni per la costruzione di un porto turistico sulla costa est che dia ricchezza e posti di lavoro, per non rischiare che sia un’altra cattedrale nel deserto; mentre Elio Peccianti ha scherzosamente proposto al sindaco di aprire una discoteca a gestione del comune per i giovani di Piombino in quanto gli elevati costi dell’affitto non permettono ai privati di gestirne una.

Il candidato sindaco ha poi preso la parola è ha illustrato i principali punti del suo programma partendo da due desideri, il primo, come priorità, di riuscire a far crescere il porto commerciale di Piombino, il secondo, più frivolo, di ridare al Piombino calcio la giusta dignità.

Ha continuato poi dicendo che i cittadini hanno bisogno di fiducia nel futuro e il boom delle nascite in questi due anni sono lì in parte a dimostrarlo. Creare una strategia che metta l’azienda siderurgica al centro del territorio e non solo sul territorio, è una spinta per la piccola e media impresa. La città deve essere un luogo dove un giovane può, se vuole, pensare di vivere il suo futuro per fermare la fuga di cervelli, e il turismo deve partire dalla città come motivo turistico. Ha mostrato anche un positivo interesse per la Fiorentina salivoli e ha promesso un taglio delle tasse per i ceti più deboli e per la prima casa.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 6.2.2004. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 19 giorni, 1 ora, 16 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it