PIOMBINO: MOBILITAZIONE PUBBLICA PER LA BIBLIOTECA

C’è una grande mobilitazione intorno ai progetti per la nuova biblioteca comunale, al punto che è a disposizione di tutti un sito internet dove viene ripercorsa la storia del progetto dal ’83 ai giorni nostri.

In questi giorni si sta’ discutendo in consiglio comunale la permuta dei locali di piazza Manzoni ex IPSIA e dell’ex Liceo Classico in cambio di una nuova biblioteca nell’ex chiesa di Sant’Antimo (Ospedale Vecchio).

Vedendo il progetto in molti riscontrano che la biblioteca non avrebbe tutti i locali necessari per espletare al meglio le funzione di conservazione, stimolo e punto culturale d’incontro dei cittadini, a cui, per sua vocazione, è votata, e la proposta di Verdi, Rifondazione Comunista, Nuova Piombino, Il Foglio Letterario, Legambiente e W.W.F è di farne una biblioteca, invece che farla a S. Antimo, ma il punto è, dicono loro, se è conveniente vendere una parte di
città, di proprietà pubblica, per farla diventare un residence?

Inoltre le stesse persone fanno osservare che lo scambio con una biblioteca chiavi in mano è molto salato: ben due edifici storici del patrimonio cittadino verrebbero ceduti ad un valore molto inferiore ai prezzo di mercato, inoltre sarebbero snaturati dalla loro funzione, costruendo al loro posto un albergo e dei residence.

Per questo il giorno 29 gennaio, apre la mostra fotografica sull’ex Ipsia,
presso la circoscrizione Porta a Terra a Piombino, e il 30 alle 17.00 c’è, negli stessi locali, un incontro pubblico tra sindaco e cittadini sul riuso del
complesso a fini collettivi.

L’indirizzo del sito con la storia della biblioteca dal 1983 ad oggi è:
http://www.bancarellaweb.it/biblio.htm

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 22.1.2004. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 22 giorni, 9 ore, 21 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it