SI SONO COSTITUITI I VERDI IN VAL DI CORNIA

Si è formalmente costituito a Piombino il gruppo dei Verdi-Val di Cornia, partendo dalla percezione che nella cittadinanza «è sempre più sentito il disagio di vivere in un territorio stretto tra il declino della vecchia produzione ed i confusi tentativi di aprire nuove strade di sviluppo».

Molte le motivazioni che hanno dato avvio al nuovo gruppo dei Verdi e che sono state esposte al tavolo al quale erano riuniti il segretario regionale Mario Lupi, Carlo Rizzoli del direttivo provinciale e l’Architetto Anna Marrocco per i Verdi-Val di Cornia.
Questi hanno spiegato ai numerosi presenti intervenuti che «il livello di inquinamento atmosferico e l’elevato rischio industriale, costituiscono ancora una vera emergenza, insieme all’insicurezza sul futuro della principale azienda della città, oggi commissariata.

Le ultime ricerche socio-ambientali – ha continuato l’architetto Marrocco – mostrano un elevato decremento della popolazione con un tasso di anzianità tra i più alti d’Italia. I giovani non trovano nel loro territorio occasioni di espressione e di occupazione consoni alle loro aspirazioni.
Di fronte a tutto questo occorre essere pronti, attrezzarsi ad una svolta epocale per la vita nel nostro territorio, uscendo dall’inaccettabile ricatto salute contro lavoro che porta a vanificare gli stessi protocolli d’intesa Istituzioni-acciaierie. Vogliamo dare centralità alla qualità della vita dei cittadini in termini di benessere psico-fisico attraverso un’ampia partecipazione alle scelte dei governo del territorio».

Come prime iniziative, i Verdi della Val di Cornia, per dare un contributo reale alla programmazione del territorio, saranno presenti all’assemblea programmatica per la scelta del candidato sindaco del 16 gennaio a Suvereto e il 17 gennaio alla tavola rotonda del Piombino Social Forum per una democrazia realmente partecipata.

Mario Lupi, attuale segretario regionale dei Verdi, ha commentato: «sono entusiasta di vedere nuovamente un gruppo dei Verdi in Val di Cornia, in quanto la Lucchini, insieme alla Solvay a Rosignano e l’area di Stagno a Livorno sono i tre più grandi agglomerati industriali inquinanti della Regione».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 13.1.2004. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    14 mesi, 17 giorni, 17 ore, 3 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it