SI SONO COSTITUITI I VERDI IN VAL DI CORNIA

Si è formalmente costituito a Piombino il gruppo dei Verdi-Val di Cornia, partendo dalla percezione che nella cittadinanza «è sempre più sentito il disagio di vivere in un territorio stretto tra il declino della vecchia produzione ed i confusi tentativi di aprire nuove strade di sviluppo».

Molte le motivazioni che hanno dato avvio al nuovo gruppo dei Verdi e che sono state esposte al tavolo al quale erano riuniti il segretario regionale Mario Lupi, Carlo Rizzoli del direttivo provinciale e l’Architetto Anna Marrocco per i Verdi-Val di Cornia.
Questi hanno spiegato ai numerosi presenti intervenuti che «il livello di inquinamento atmosferico e l’elevato rischio industriale, costituiscono ancora una vera emergenza, insieme all’insicurezza sul futuro della principale azienda della città, oggi commissariata.

Le ultime ricerche socio-ambientali – ha continuato l’architetto Marrocco – mostrano un elevato decremento della popolazione con un tasso di anzianità tra i più alti d’Italia. I giovani non trovano nel loro territorio occasioni di espressione e di occupazione consoni alle loro aspirazioni.
Di fronte a tutto questo occorre essere pronti, attrezzarsi ad una svolta epocale per la vita nel nostro territorio, uscendo dall’inaccettabile ricatto salute contro lavoro che porta a vanificare gli stessi protocolli d’intesa Istituzioni-acciaierie. Vogliamo dare centralità alla qualità della vita dei cittadini in termini di benessere psico-fisico attraverso un’ampia partecipazione alle scelte dei governo del territorio».

Come prime iniziative, i Verdi della Val di Cornia, per dare un contributo reale alla programmazione del territorio, saranno presenti all’assemblea programmatica per la scelta del candidato sindaco del 16 gennaio a Suvereto e il 17 gennaio alla tavola rotonda del Piombino Social Forum per una democrazia realmente partecipata.

Mario Lupi, attuale segretario regionale dei Verdi, ha commentato: «sono entusiasta di vedere nuovamente un gruppo dei Verdi in Val di Cornia, in quanto la Lucchini, insieme alla Solvay a Rosignano e l’area di Stagno a Livorno sono i tre più grandi agglomerati industriali inquinanti della Regione».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 13.1.2004. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 16 giorni, 16 ore, 41 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it