A TEATRO CON EDUARDO SCARPETTA AL CONCORDI

Mercoledì 14 e giovedì 15 gennaio «Mettiteve a fa l’ammore cu’mme!» è il titolo del prossimo appuntamento con la stagione teatrale del Teatro dei Concordi di Campiglia Marittima,
tratto da uno scritto giovanile di Eduardo Scarpetta, è del giovane attore e regista Arturo Cirillo del Nuovo Teatro Nuovo.

Cirillo avvicinatosi al teatro dalla danza, ha fatto parte della squadra di Carlo Cecchi e con questo spettacolo ha scelto di “tradire la tradizione” senza comunque negarla del tutto, contro la stanca interpretazione naturalistica del teatro napoletano, per giungere ad effetti addirittura degni di una drammaturgia dell’assurdo.

La trama di questo Mettiteve a fa l’ammore cu’mme è molto semplice: due coppie di innamorati ed uno zio che ha deciso invece di dare in sposa la fidanzata dell’uno all’altro e viceversa, ma la resa è tutto tranne che scontata.

L’amore è quello «infantile, gretto e ironico, un atto naturale e quasi animale», secondo le parole dello stesso regista, ed è per questo anche «sano o perlomeno sanabile»; gli attori, che con una recitazione fatta di pose e tic interpretano personaggi simili a marionette, pupazzi anche nei costumi, si muovono nel contesto di una scenografia dipinta, finta, su ruote; un pianoforte fittizio che suona incessantemente un motivo da carillon, quasi un giocattolo.

Un testo dialettale affidato ad una compagnia spuria, in cui non tutti gli attori hanno confidenza con il dialetto napoletano e tutto questo per scelta, per avere la libertà di lavorare senza legami troppo stretti con la tradizione, lusingandola, ma solo attraverso la citazione… Senza dubbio per il gusto di far ridere.

Per informazioni e acquisto dei biglietti:

Botteghino del Concordi ogni lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9.30 alle 12.30 e il giorno dello spettacolo dalle 16.30 alle 19.30.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 9.1.2004. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 18 giorni, 16 ore, 25 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it