CONCORDI: ROMEO E GIULIETTA VITTIME ARCHETIPO DELLE FAZIONI

La stagione teatrale del Teatro dei Concordi, prosegue venerdì 5 dicembre con Jerusalem Juliet, lo spettacolo di Pupi e Fresedde incentrato sulla tematica attualissima del conflitto fra Palestinesi ed Israeliani.

E’ interessante la modalità con cui il contenuto viene presentato: la nota vicenda shakespeariana di Giulietta e Romeo viene sottoposta ad una riscrittura in chiave contemporanea, piegata alle esigenze della lotta che insanguina il Medio Oriente. Il suggerimento per questa scelta viene proprio da Israele dove, anni fa, una compagnia mista di attori Israeliani e Palestinesi ha rappresentato proprio la vicenda dei due famosi innamorati shakespeariani suscitando non poco scalpore.

L’opera di Shakespeare infatti, è sicuramente il più immediato archetipo teatrale rappresentativo delle contese fra fazioni che producono vittime innocenti, e diventa il modo per affrontare il tema evitando il coinvolgimento politico ed emozionale e per ribadire l’universalità del messaggio pacifista. Tutto questo per una sensibilizzazione delicata al compito di non sfuggire alle responsabilità del presente.

I fatti ed i nomi reali conferiscono allo spettacolo, realizzato peraltro con il contributo della Regione Toscana e di Portofranco, l’aspetto di fiction-documentario. In scena Angelo Savelli che cura anche la regia, con Fabio Mascagni, Giovanni Fochi, Valentina Banci, Francesco Borchi, Alice Mazzei. Scene e costumi Michele Ricciarini, musiche Stefano De Donato e Lorenzo Piscopo. Video Alberto Callari e Carlo Isola. Luci Roberto Cafaggini.

Per informazioni, prenotazioni e acquisto dei biglietti rivolgersi al botteghino del teatro (tel. 0565/837028) lunedì e mercoledì dalle 9.30 alle 12.30; venerdì dalle 16.30 alle 19.30.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 1.12.2003. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 16 giorni, 16 ore, 40 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it