SALUTE: OLIO PIU’ BUONO E MENO CHIMICA IN VAL DI CORNIA

Ha avuto successo la sperimentazione della cattura massale della mosca olearia, il nuovo metodo di difesa delle olive senza uso di trattamenti chimici sperimentato per la prima volta in Val di Cornia dal Comune di Suvereto.

Una ventina di azienda hanno infatti adottato il sistema delle trappole (le cosiddette ecotrap), in grado di attrarre i parassiti e di provocarne la morte. Questo metodo evita la contaminazione chimica delle olive, delle piante e dell’ambiente circostante, tanto che lo stesso metodo è ammesso anche dai disciplinari di produzione biologica.

Il progetto è stato attuato grazie alla partecipazione fattiva dei produttori suveretani che hanno voluto intraprendere questa sperimentazione, dimostrando grande sensibilità verso i temi della salute, della qualità e dell’ambiente, e dall’Amministrazione Comunale che ha messo ha disposizione gli spazi e le strutture necessarie per il contatto, attraverso uno sportello istituito appositamente, tra i tecnici e i produttori, oltre ad un contributo per l’acquisto delle trappole (il Comune ha rimborsato il 20 per cento della somma spesa da ciascun olivicoltore).

Dal punto di vista tecnico è stata essenziale la collaborazione delle associazioni di settore OTA e AIPROL, che attraverso i loro tecnici hanno seguito settimanalmente l’evolversi della sperimentazione, comunicando notizie e indicazioni ai produttori attraverso lo sportello informativo per gli olivicoltori.

Nonostante che l’annata sia stata scarsa per quanto riguarda la produzione olivicola, questo sistema ha potuto essere sperimentato con successo ed ha consentito di diminuire sensibilmente la dispersione di prodotti chimici velenosi sul territorio.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 20.11.2003. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 19 giorni, 23 ore, 5 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it