IL COMUNE DI SUVERETO ADERISCE ALLA RETE DEL NUOVO MUNICIPIO

Nella seduta del 6 novembre il Consiglio comunale ha deliberato l’adesione del Comune di Suvereto alla Rete del Nuovo Municipio, l’associazione promossa da amministrazioni locali, associazioni, movimenti e studiosi universitari per promuovere la democrazia partecipativa e lo sviluppo locale autosostenibile.

L’incontro costituente di questa nuovo soggetto, al quale sarà presente anche il sindaco di Suvereto, si svolgerà sabato 8 novembre al Palazzo delle Esposizioni di Empoli con rappresentanti provenienti da vari comuni e regioni italiane.
L’assemblea si aprirà alle 9.30 con l’intervento del sindaco di Empoli Vittorio Bugli, la relazione introduttiva di Alberto Magnaghi (urbanista dell’Università di Firenze) e la relazione sullo stato delle esperienze partecipative in Italia di Giancarlo Paba e Giovanni Allegretti.

La nuova Associazione (alla quale hanno già aderito numerosi enti locali, rappresentanze dei movimenti sociali, dell’associazionismo territoriale e dell’università) si ispira ai principi della Carta del Nuovo Municipio, che stabilisce alcuni obiettivi fondamentali, tra cui:

– Promozione di un rapporto tra democrazia diretta e rappresentanza, attraverso l’attivazione di istituti intermedi di partecipazione alle decisioni strategiche e alle politiche dei governi locali;
– una alternativa al governo gerarchico del territorio e al centralismo autoritario, come sviluppo di autogoverno locale in rete (municipalismo federato e solidale)

– Mobilitazioni di energie sociali escluse o non valorizzate dallo stato e dal mercato, dando spazio e rappresentanza agli attori sociali più deboli negli istituti partecipativi.

Secondo la “Carta d’intenti” approvata dal Consiglio comunale di Suvereto e dagli altri soggetti aderenti, il nuovo municipio riconosce il ruolo pubblico nella produzione e gestione dei servizi e dei beni fondamentali (acqua, energia, beni ambientali, sanità, istruzione) contrastandone la gestione privata secondo logiche di profitto.
Inoltre l’Associazione promuove il coordinamento dell’azione delle Amministrazioni locali con associazioni e movimenti; definisce, anche su scala sovracomunale, strategie unitarie di intervento; promuove laboratori sperimentali e istituti di democrazia diretta.
L’Associazione può promuovere e gestire, unitariamente con la partecipazione dei Comuni aderenti, progetti e iniziative comunitarie, sviluppare forme di cooperazione internazionale, relazioni con altre istituzioni ed enti pubblici nell’ambito di politiche e azioni di valenza sovracomunale, promuovere attività di analisi e ricerca sulle strategie di sviluppo autosostenibile del territorio.

“le finalità della Rete del Nuovo Municipio – ha detto Pazzagli presentando la proposta al Consiglio comunale – sono in linea con i principi dello statuto di Suvereto e soprattutto con il nostro modo di concepire il rapporto tra istituzioni e società locale, che vede nel dialogo diretto con i cittadini la principale forma di democrazia e di partecipazione”.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 7.11.2003. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata quella di vero inizio della crisi economica di Piombino. Da allora sono passati solo
    5 mesi, 11 giorni, 2 ore, 9 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it