HALLOWEEN E DINTORNI: ZUCCHE PIENE E ZUCCHE VUOTE

Una zucca piena di calibro medio, da trasformare in zucca vuota, costa attorno ai 7 euro. Infondo Halloween è un passatempo economico, se ti sai accontentare.
(Tratto da ‘Toscana oggi’ del 2 novembre)

«Harry Potter e l’ordine della fenice» ne costa 24, che calano a 19,20 se lo comprate tramite Internet. in compenso, al ragazzino che con tenacia demolisce un simile tomo, la zucca sicuramente si riempie. Ecco, il timore è che pure quest’anno dovremo sciropparci il dibattito su Halloween, i morti che ritornano, la festa che non appartiene alla nostra tradizione, la festa consumista (e quale non rischia di esserlo?), dolcetto o scherzetto, eccetera.

Sarà anche appassionante, per gli altri. Noi ci annoiamo. Riusciamo solo a provare comprensione – si, comprensione: non disapprovazione – per i ragazzi che ci cascano, e cedono docili alle lusinghe della festa posticcia. Perché i ragazzi amano procurare e provare paura, per finta beninteso. E bisogna lasciarglielo fare, meglio se con intelligenza che però di questi tempi risulta essere un lusso.

Che cosa li attende dietro la porta chiusa? Lavoro fino a 70 anni, ma flessibile, precario, adrenalinico e spaccacuore, e sarebbe bello esserci – ma noi non ci saremo – per vedere quanti ne arriveranno vivi e con tutte le rotelle nella zucca non del tutto svuotata. Poco tempo per l’amore e il matrimonio, con figli, ben oltre i 30 anni perché a un flessibile non raccomandato, anche se talentuoso, il mutuo casa non si concede.

Competizione a tutto gas con indicazioni contraddittorie: da un lato gli stiamo dicendo che chi vale ce la fa, ma bisogna studiare tanto, fare un master, andare all’estero, essere i primi della classe; dall’altro gli mostriamo sul palcoscenico impudico della tv dei bietoloni e delle bietoline che tra show e grandi fratelli fanno carriera senza possedere qualità alcuna, ma solo fortunaccia e faccia tosta. Gli diciamo che la droga uccide e gliela vietiamo, però scriviamo «il fumo uccide» sui pacchetti delle sigarette e gliele vendiamo, anzi: lo Stato gliele vende e ci guadagna sopra.

Non pensate che i ragazzi, anche i meno intuitivi, non avvertano che qualcosa non quadra? E non siano attanagliati da un’angoscia ora leggera ora greve? E non sentano il bisogno istintivo, per metabolizzare l’insicurezza e la paura, di rappresentarle? Vi lamentate di Halloween e dei morti che ritornano in vita, voi. Però non battete ciglio al riapparire di Tony Renis. Ma compratevi una zucca.
UMBERTO FOLENA

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 30.10.2003. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 20 giorni, 21 ore, 14 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it