FOTO INAUGURAZIONE CANTINA PETRA A SUVERETO

Sabato 11 ottobre 2003 si è tenuta l’inaugurazione dell’azienda vitivinicola Petra (Suvereto, San Lorenzo Alto) progettata dall’architetto svizzero Mario Botta su commissione dell’imprenditore Vittorio Moretti, presidente del gruppo Terra Moretti.

Alla presentazione del progetto è intervenuto Carlo Petrini, presidente del movimento Slow Food. Alla grande festa, durata sino a tarda notte, sono intervenute più di mille persone e fra di esse numerose le autorità locali e provinciali e i protagonisti storici del successo vitivinicolo della Maremma.

Grande attenzione è stata dedicata anche all’impatto sociale ed economico della struttura: “Il plastico della cantina”– ricorda il sindaco di Suvereto, Rossano Pazzagli – “è rimasto esposto per sei mesi nella sala del Consiglio Comunale per offrire a tutti la possibilità di compiere una scelta ponderata, adeguata all’importanza dell’intervento. Oggi, a distanza di tre anni, sono convinto che la nostra sia stata una scelta ragionata e condivisa: il Comune di Suvereto, che ha conseguito proprio quest’anno importanti riconoscimenti a testimonianza del valore storico del suo territorio, si avvia verso un significativo itinerario di sviluppo agricolo-ambientale e turistico al quale sicuramente contribuirà in modo significativo anche la nuova realtà dell’azienda Petra”.

La cantina si sviluppa su una superficie di 8000 mq e dispone di una capacità produttiva di 800 mila bottiglie.
Petra ripropone la vocazione degli Chateaux francesi. I vini, due per il momento (Petra Val di Cornia rosso e Petra IGT Toscana), hanno già intrapreso questo percorso raggiungendo un elevato consenso di pubblico e di critica.


VISITA LA GALLERIA FOTOGRAFICA DELL’INAUGURAZIONE

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 28.10.2003. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 19 giorni, 1 ora, 8 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it