CAMPIGLIA RICONSEGNA LE CHIAVI DI FUCINAIA AL PARROCO

Il 30 agosto le cerimonia laica con concerto e brindisi a Palazzo Pretorio.

S’inaugura sabato 30 agosto la chiesa restaurata della Madonna di Fucinaia a Campiglia. Dopo gli interventi di risanamento che hanno impegnato diversi anni e la cifra di 178.550 euro, finanziata dal Comune con fondi propri e tramite i contributi del Docup assegnati dalla Regione Toscana, questo santuario particolarmente caro ai campigliesi e senza dubbio importante, nella zona, per il diffusissimo culto mariano, torna ad essere aperto e riconsegnato al parroco don Marcello Boldrini che si occuperà delle celebrazioni religiose.

Sabato pomeriggio alle 18.00, alla presenza delle autorità locali e dell’assessore regionale Paolo Benesperi, il sindaco Silvia Velo consegnerà la chiave del santuario a Don Marcello e l’occasione verrà sottolineata dalla firma di una pergamena a ricordo dell’evento. Saranno anche pubblicamente illustrati gli interventi eseguiti e successivamente, intorno alla 19.00 si terrà un concerto di musica classica che potrà mettere in risalto le caratteristiche acustiche dell’edificio. Al termine tutti i partecipanti potranno spostarsi nel centro storico del paese per il brindisi offerto nell’Enoteca Pubblica di Palazzo Pretorio.

Terminate le celebrazioni civili, avranno inizio in settembre quelle religiose che, tra l’altro, ruotano attorno all’8 settembre, giorno dedicato alla Natività di Maria, nel quale si terranno i tradizionali riti del santuario.
Il programma, in corso di definizione, avrà inizio il 5 settembre con la processione notturna e si concluderà il 12 con una conferenza organizzata in collaborazione con la Sovrintendenza ai Beni culturali e ambientali, sarà comunicato dal Comune nei prossimi giorni.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 25.8.2003. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 16 giorni, 16 ore, 45 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it