PIOMBINO: MA ANCORA PARLIAMO DI TURISMO?

Non può sfuggire ad uno sguardo attento la desolazione che pervade nella nostra città durante la settimana di ferragosto: negozi chiusi, saracinesche abbassate, sporcizia, barboni sotto il Rivellino. Unici sovrani la tenue luce dell’impianto d’illuminazione pubblica, ed una pattuglia dei Carabinieri.

A riprova di quanto sopra scritto invitiamo i lettori a guardare le foto scattate tra le undici e la mezzanotte del 19 agosto.

Una desolazione che in questo periodo si può vedere solo in una periferia metropolitana, come se i turisti fossero ‘scacciati’ dai Piombinesi che inconsciamente li invitano ad andare a soggiornare nelle vicine località turistiche più ben disposte all’accoglienza.


GUARDA LE FOTO

Questa non vuole essere una nuova polemica o manovra contro chicchessia, ma solo una constatazione oggettiva che il turismo vero a Piombino ancora non lo si sa, o non lo si vuol fare.

Il turismo nasce dalla collaborazione di tutti:

– Primi tra tutti gli operatori del commercio, che dal turismo fruiscono i vantaggi maggiori;

– Al secondo posto i cittadini Piombinesi che non si adeguano, complice il progressivo invecchiamento della popolazione, ai nuovi ritmi dettati dai flussi turistici, rendendo Piombino sempre più una città dormitorio;

– Terza l’amministrazione comunale che deve sensibilizzare di più, demandando a chi ne ha i benefici, l’organizzazione dei vari eventi turistici. Un esempio potrebbe essere il riutilizzo di alcuni edifici comunali dimessi, trasformandoli in strutture recettive, un esempio tra i tanti, gli ex macelli pubblici.

Il turismo inoltre non deve essere decentrato nelle località balneari (vedi Baratti e costa est), ma deve vivere in gran parte nella città, che deve quindi essere dotata di servizi congrui ai turisti che riceve. Se si fanno ad esempio 1000 posti letto a Carbonifera, facciamo solo un favore al commercio follonichese e un dispetto a chi non ha lavoro a Piombino. Tutti i turisti ovviamente andranno a Follonica che ha nome e strutture, analogo discorso per la costa ovest (Baratti e Stellino) che ovviamente andranno a San Vincenzo.

Concludiamo ricordando che da Piombino ogni estate transitano decine di migliaia di persone che vanno all’Elba e che da noi non comprano neanche un caffè, ce ne sarà un motivo?


SE VUOI DI LA TUA NEL FORUM

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 20.8.2003. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata quella di vero inizio della crisi economica di Piombino. Da allora sono passati solo
    5 mesi, 11 giorni, 21 ore, 33 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it