PIOMBINO: MA ANCORA PARLIAMO DI TURISMO?

Non può sfuggire ad uno sguardo attento la desolazione che pervade nella nostra città durante la settimana di ferragosto: negozi chiusi, saracinesche abbassate, sporcizia, barboni sotto il Rivellino. Unici sovrani la tenue luce dell’impianto d’illuminazione pubblica, ed una pattuglia dei Carabinieri.

A riprova di quanto sopra scritto invitiamo i lettori a guardare le foto scattate tra le undici e la mezzanotte del 19 agosto.

Una desolazione che in questo periodo si può vedere solo in una periferia metropolitana, come se i turisti fossero ‘scacciati’ dai Piombinesi che inconsciamente li invitano ad andare a soggiornare nelle vicine località turistiche più ben disposte all’accoglienza.


GUARDA LE FOTO

Questa non vuole essere una nuova polemica o manovra contro chicchessia, ma solo una constatazione oggettiva che il turismo vero a Piombino ancora non lo si sa, o non lo si vuol fare.

Il turismo nasce dalla collaborazione di tutti:

– Primi tra tutti gli operatori del commercio, che dal turismo fruiscono i vantaggi maggiori;

– Al secondo posto i cittadini Piombinesi che non si adeguano, complice il progressivo invecchiamento della popolazione, ai nuovi ritmi dettati dai flussi turistici, rendendo Piombino sempre più una città dormitorio;

– Terza l’amministrazione comunale che deve sensibilizzare di più, demandando a chi ne ha i benefici, l’organizzazione dei vari eventi turistici. Un esempio potrebbe essere il riutilizzo di alcuni edifici comunali dimessi, trasformandoli in strutture recettive, un esempio tra i tanti, gli ex macelli pubblici.

Il turismo inoltre non deve essere decentrato nelle località balneari (vedi Baratti e costa est), ma deve vivere in gran parte nella città, che deve quindi essere dotata di servizi congrui ai turisti che riceve. Se si fanno ad esempio 1000 posti letto a Carbonifera, facciamo solo un favore al commercio follonichese e un dispetto a chi non ha lavoro a Piombino. Tutti i turisti ovviamente andranno a Follonica che ha nome e strutture, analogo discorso per la costa ovest (Baratti e Stellino) che ovviamente andranno a San Vincenzo.

Concludiamo ricordando che da Piombino ogni estate transitano decine di migliaia di persone che vanno all’Elba e che da noi non comprano neanche un caffè, ce ne sarà un motivo?


SE VUOI DI LA TUA NEL FORUM

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 20.8.2003. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    9 mesi, 23 giorni, 13 ore, 31 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it