CANTIERE DELLA DEMOCRAZIA: IL MANIFESTO DELL’INIZIATIVA

Sta nascendo un dibattito da più parti nelle varie anime della sinistra in Val di Cornia, basato sulle riforme, sulla democrazia e sulla cultura, per dare nuovi stimoli ed un valore aggiunto all’intero dibattito politico e culturale.

Da pochi giorni è partito il “Cantiere della democrazia”, nato da un iniziativa, la “Carta del nuovo municipio” svoltasi a Suvereto, dove si sono toccati aspetti essenziali dell’agire democratico di oggi: la partecipazione, la libertà, la giustizia, lo sviluppo sostenibile.

Per aderire al Cantiere della Democrazia contattare i referenti, oppure iscriversi al newsgroup


http://it.groups.yahoo.com/group/cantiere_della_democrazia
,
inviando una e-mail a


cantiere_della_democrazia-subscribe@yahoogroups.com

Leggi Tutto… IL MANIFESTO COMPLETO.

PUBBLICHIAMO INTEGRALMENTE:
In occasione del 2 giugno 2003 si è svolta a Suvereto una iniziativa sulla questione della democrazia nella quale, partendo dalla “Carta del nuovo municipio”, si sono toccati aspetti essenziali dell’agire democratico oggi: la partecipazione, la libertà, la giustizia, lo sviluppo sostenibile.

Visto l’interesse destato dall’iniziativa, alla quale hanno partecipato numerose persone dell’intera Val di Cornia e oltre, un gruppo di venti persone ha avvertito l’esigenza di dare continuità a questo terreno di lavoro, su un piano politico e culturale insieme, per interrogarsi sui rischi del sistema democratico e riflettere sulle forme di democrazia adatte al mondo attuale ed alla società italiana in un contesto come quello che sta sotto i nostri occhi, caratterizzato dagli effetti della globalizzazione e dalla preoccupante situazione italiana.

Riteniamo necessario organizzare nuove iniziative, che mettano a confronto pensieri diversi e ricerchino un minimo comun denominatore per costruire anche nella nostra zona una cultura politica democratica, promuovendo forme di democrazia partecipativa.

Le persone radunatesi a Suvereto hanno a cuore questi argomenti e in questi mesi hanno vissuto con preoccupazione e indignazione gli attacchi alla giustizia e all’uguaglianza, respirando un clima di irresponsabilità istituzionale, visto che tali attacchi sono venuti dalla maggioranza che governa il Paese e dallo stesso presidente del Consiglio.

Ora si propongono di costruire qualcosa insieme; qualcosa che non sia una realtà organizzata alternativa o in contrapposizione rispetto ai soggetti politici esistenti nella zona, ma un “luogo” che consenta un confronto e una crescita comune con l’obiettivo di dare vita ad un nuovo attore politico-culturale nella vita pubblica della società della Val di Cornia.

Un soggetto che, partendo dalle realtà attive a livello locale e tenendo conto dei movimenti sviluppatisi nel paese, permetta di superare i limiti di autoreferenzialità e di chiusura, laico e pluralista, capace di affrontare temi generali e anche di aiutare la riflessione sui processi in atto a livello locale: un “cantiere della democrazia”, aperto alla libera partecipazione di molti e punto di riferimento per tutti coloro che sentono il dovere e hanno il diritto di essere insoddisfatti, di porre domande più precise, di mettere in opera tutte le risorse della riflessione critica e dell’azione concreta.

Occorre ritrovare la politica come passione civile, dedizione disinteressata ad un progetto di costruzione del “bene comune”.
Il “cantiere” è dunque un luogo, più che un soggetto, dove sia possibile lavorare su problemi alti e concreti, al di fuori di tatticismi e di interessi particolari, liberamente e senza essere identificato con l’una o l’altra anima della sinistra o del centro-sinistra.

Il “cantiere della democrazia” si apre quindi come luogo informale, non strutturato, con almeno un referente in ciascun comune, che in rapporto con il gruppo promotore della Carta del nuovo municipio e dei suoi sottoscrittori, lanci temi di riflessione, promuova iniziative, inizi a costruire una rete di persone, consapevoli che oggi bisogna aggiungere alla difesa dei grandi valori (la libertà, l’uguaglianza, la solidarietà…) la prospettiva ineludibile dello sviluppo sostenibile, qui e altrove, dove anche il tema della globalizzazione sia affrontato dal basso con una rinnovata partecipazione, che incida sulle scelte e sugli indirizzi per governare il territorio.

La rete di questo cantiere si propone di lavorare in una duplice direzione:
1) Promuovere un’azione di resistenza civile e di contrasto verso le politiche del centro-destra in campi fondamentali della vita sociale (giustizia, scuola, lavoro, immigrazione, sanità, ambiente…);
2) costruire un progetto ed un messaggio, in grado di unire i grandi temi e valori alla democrazia e al governo del territorio, tramite lo studio, la formazione e un lavoro politico paziente, approfondendo temi che non trovano spazio sufficiente nelle organizzazioni tradizionali e portando così, con le diversità presenti, nuovi stimoli ed un valore aggiunto all’intero dibattito politico e culturale in Val di Cornia.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 23.6.2003. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata quella di vero inizio della crisi economica di Piombino. Da allora sono passati solo
    5 mesi, 12 giorni, 1 ora, 42 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it