CANTIERE DELLA DEMOCRAZIA: IL MANIFESTO DELL’INIZIATIVA

Sta nascendo un dibattito da più parti nelle varie anime della sinistra in Val di Cornia, basato sulle riforme, sulla democrazia e sulla cultura, per dare nuovi stimoli ed un valore aggiunto all’intero dibattito politico e culturale.

Da pochi giorni è partito il “Cantiere della democrazia”, nato da un iniziativa, la “Carta del nuovo municipio” svoltasi a Suvereto, dove si sono toccati aspetti essenziali dell’agire democratico di oggi: la partecipazione, la libertà, la giustizia, lo sviluppo sostenibile.

Per aderire al Cantiere della Democrazia contattare i referenti, oppure iscriversi al newsgroup


http://it.groups.yahoo.com/group/cantiere_della_democrazia
,
inviando una e-mail a


cantiere_della_democrazia-subscribe@yahoogroups.com

Leggi Tutto… IL MANIFESTO COMPLETO.

PUBBLICHIAMO INTEGRALMENTE:
In occasione del 2 giugno 2003 si è svolta a Suvereto una iniziativa sulla questione della democrazia nella quale, partendo dalla “Carta del nuovo municipio”, si sono toccati aspetti essenziali dell’agire democratico oggi: la partecipazione, la libertà, la giustizia, lo sviluppo sostenibile.

Visto l’interesse destato dall’iniziativa, alla quale hanno partecipato numerose persone dell’intera Val di Cornia e oltre, un gruppo di venti persone ha avvertito l’esigenza di dare continuità a questo terreno di lavoro, su un piano politico e culturale insieme, per interrogarsi sui rischi del sistema democratico e riflettere sulle forme di democrazia adatte al mondo attuale ed alla società italiana in un contesto come quello che sta sotto i nostri occhi, caratterizzato dagli effetti della globalizzazione e dalla preoccupante situazione italiana.

Riteniamo necessario organizzare nuove iniziative, che mettano a confronto pensieri diversi e ricerchino un minimo comun denominatore per costruire anche nella nostra zona una cultura politica democratica, promuovendo forme di democrazia partecipativa.

Le persone radunatesi a Suvereto hanno a cuore questi argomenti e in questi mesi hanno vissuto con preoccupazione e indignazione gli attacchi alla giustizia e all’uguaglianza, respirando un clima di irresponsabilità istituzionale, visto che tali attacchi sono venuti dalla maggioranza che governa il Paese e dallo stesso presidente del Consiglio.

Ora si propongono di costruire qualcosa insieme; qualcosa che non sia una realtà organizzata alternativa o in contrapposizione rispetto ai soggetti politici esistenti nella zona, ma un “luogo” che consenta un confronto e una crescita comune con l’obiettivo di dare vita ad un nuovo attore politico-culturale nella vita pubblica della società della Val di Cornia.

Un soggetto che, partendo dalle realtà attive a livello locale e tenendo conto dei movimenti sviluppatisi nel paese, permetta di superare i limiti di autoreferenzialità e di chiusura, laico e pluralista, capace di affrontare temi generali e anche di aiutare la riflessione sui processi in atto a livello locale: un “cantiere della democrazia”, aperto alla libera partecipazione di molti e punto di riferimento per tutti coloro che sentono il dovere e hanno il diritto di essere insoddisfatti, di porre domande più precise, di mettere in opera tutte le risorse della riflessione critica e dell’azione concreta.

Occorre ritrovare la politica come passione civile, dedizione disinteressata ad un progetto di costruzione del “bene comune”.
Il “cantiere” è dunque un luogo, più che un soggetto, dove sia possibile lavorare su problemi alti e concreti, al di fuori di tatticismi e di interessi particolari, liberamente e senza essere identificato con l’una o l’altra anima della sinistra o del centro-sinistra.

Il “cantiere della democrazia” si apre quindi come luogo informale, non strutturato, con almeno un referente in ciascun comune, che in rapporto con il gruppo promotore della Carta del nuovo municipio e dei suoi sottoscrittori, lanci temi di riflessione, promuova iniziative, inizi a costruire una rete di persone, consapevoli che oggi bisogna aggiungere alla difesa dei grandi valori (la libertà, l’uguaglianza, la solidarietà…) la prospettiva ineludibile dello sviluppo sostenibile, qui e altrove, dove anche il tema della globalizzazione sia affrontato dal basso con una rinnovata partecipazione, che incida sulle scelte e sugli indirizzi per governare il territorio.

La rete di questo cantiere si propone di lavorare in una duplice direzione:
1) Promuovere un’azione di resistenza civile e di contrasto verso le politiche del centro-destra in campi fondamentali della vita sociale (giustizia, scuola, lavoro, immigrazione, sanità, ambiente…);
2) costruire un progetto ed un messaggio, in grado di unire i grandi temi e valori alla democrazia e al governo del territorio, tramite lo studio, la formazione e un lavoro politico paziente, approfondendo temi che non trovano spazio sufficiente nelle organizzazioni tradizionali e portando così, con le diversità presenti, nuovi stimoli ed un valore aggiunto all’intero dibattito politico e culturale in Val di Cornia.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 23.6.2003. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 18 giorni, 16 ore, 20 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it