PATENTE A PUNTI: LE NUOVE REGOLE PER AUTO E CICLOMOTORI

Nuove regole per chi ha la patente, finmalmente un incentivo alla sicurezza sulle strade arriverà con l’attuazione della parte ancora inapplicata del nuovo Codice della Strada (D. Lgs. 9 del 2002), che entrerà in vigore dal 30 giugno 2003 e che attivera la ‘famigerata’ patrente a punti.

Vediamo quali sono le principali novità.

Patente a punti (art.126-bis)
Ad ogni patente di guida viene attribuito inizialmente un “bonus” di 20 punti, che diminuiranno in base alle violazioni del Codice della strada prevista dal Titolo V.
Il punteggio da detrarre sarà annotato sul verbale, di seguito agli estremi della norma violata.
In caso di violazioni commesse nei primi 5 anni di rilascio della patente il punteggio detratto sarà raddoppiato.
I dati della multa con i relativi punti saranno poi comunicati all’Anagrafe Nazionale degli Abilitati alla guida che, raggiunti i 20 punti, farà scattare il ritiro della patente.
A quel punto occorrerà rifare gli esami di guida.
Nell’articolo in questione del Codice della Strada viene indicato per ogni tipo di violazione quanti sono i punti che saranno detratti.

Circolazione dei ciclomotori (art. 97)
Il Certificato di Idoneità Tecnica è sostituito dal Certificato di Circolazione (C.C.), mentre l’attuale Contrassegno di Identificazione viene sostituito dalla Targa vera e propria: personale e il titolare la trattiene in caso di vendita del ciclomotore

Guida dei ciclomotori (art. 116, 1-bis)
Per condurre ciclomotori i maggiorenni e i minorenni (dai 14 anni) che non hanno la patente di guida dovranno essere in possesso del Certificato di Idoneità alla Guida. Viene rilasciato dall’Ufficio territoriale del Dipartimento per i Trasporti Terrestri (Motorizzazione Civile). Il Certificato viene rilasciato dopo aver partecipato a corsi specifici.

Trasporto di passeggero su ciclomotore (art. 115)
Il maggiorenne con patente di guida può portare il passeggero anche sul ciclomotore. Per il minorenne che trasporta passeggero è prevista una multa di 33,60 euro.

Allegata vi mostriamo la tabella con le infrazioni principali e i relativi “punteggi”.
Leggi Tutto…

Chi sbaglia perde punti…e patente
Tabella dei punteggi previsti dall’art. 126-bis Codice della Strada
Le principali infrazioni e la relativa penalizzazione (da aggiungere alla multa)

Art. Comma ————— Infrazione ————- Punti
141 8 Non rispetto della velocità nei centri abitati – punti 2
142 8 Superamento limite max di velocità di oltre 10 fino a 40 km orari – punti 2
“ 9 Superamento limite max di velocità di oltre 40 Km orari – punti 10
143 12 Circolare contromano – punti 10
145 10 Non rispettare lo stop – punti 4
146 2 Varie, come superare la striscia continua di separazione delle corsie – punti 1
“ 3 Passare con il semaforo rosso – punti 4
147 5 Attraversare Passaggio a Livello con le barriere in movimento – punti 3
148 15 Non rispettare il divieto di sorpasso – punti 2
149 4 Non rispettare la distanza di sicurezza tra i veicoli – punti 3
152 3 Non tenere fari accesi periodo: ½ora prima tramonto, ½ ora dopo alba – punti 2
154 7 Errata immissione nel flusso della circolazione – punti 4

“ 8 Manovre errate, come retromarcia, ecc – punti 2
162 5 Assenza o mancato uso del triangolo – punti 2
170 6 Trasporto non regolare di persone/cose con veicolo a due ruote – punti 1
171 2 Non utilizzo nel casco su moto e motorini – punti 3
172 8 e 9 Non indossare le cinture di sicurezza o i sistemi di trattenimento/bambini – punti 3
173 3 Utilizzo del telefonino durante la guida – punti 4
186 2 Guidare in stato di ebrezza – punti 10
187 4 Guidare sotto l’influenza di droghe – punti 10
189 6 Non fermarsi in caso di incidente e darsi alla fuga – punti 10
191 4 Non fermarsi per far attraversare disabili o non vedenti – punti 3

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 18.6.2003. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 16 giorni, 13 ore, 10 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it