CONVEGNO ”DA POPULONIA A MASSA MARITTIMA I 1500 ANNI DI UNA DIOCESI”

Il 16 e il 17 maggio 2003 si tiene a Massa Marittima, presso il Seminario Vescovile, il convegno di studi “Da Populonia a Massa Marittima – I 1500 anni di una Diocesi”, promosso dalla Diocesi di Massa Marittima-Piombino con la collaborazione di “Memoria Ecclesiae” – Centro di studi e documentazione sulla storia religiosa della Toscana.

Il convegno si inserisce nella serie di iniziative promosse dalla Diocesi di Massa Marittima-Piombino per ricordare le proprie origini, che sono individuabili nella Diocesi paleocristiana di Populonia. Di queste iniziative il convegno costituisce l’aspetto più significativo sul piano della ricerca storica: farà infatti il punto sullo stato delle ricerche sia sul versante storico-religioso che su quello archeologico.

Particolare attenzione verrà dedicata al monachesimo insulare e alle vicende di alcuni insediamenti come il monastero di San Pietro di Palazzuolo, da cui proviene la Croce di Canneto che verrà presentata dopo il restauro.
Nel corso del convegno verrà anche presentato un CD dimostrativo sulla storia degli insediamenti religiosi nella Diocesi. Al termine, domenica 18 maggio, verrà effettuata una visita all’isola di Pianosa, dove si trova l’unica catacomba esistente in Toscana, oltre alle due di Chiusi.

Il convegno che verrà introdotto dal Vescovo di Massa Marittima-Piombino, mons. Giovanni Santucci, si presenta di alto livello scientifico: vi parteciperanno studiosi delle Università di Roma, Firenze, Pisa, Siena, Chieti; fra questi, i maggiori specialisti di storia religiosa e di archeologia medievale, come Francesco Scorza Barcellona, Anna Benvenuti, Riccardo Francovich, Gabriele Bartolozzi Casti, Gabriella Garzella, Maria Luisa Ceccarelli, Luigi Pellegrini.
Significativo anche l’apporto della Soprintendenza al patrimonio artistico di Pisa, che con Mariagiulia Burresi e Antonia d’Aniello presenteranno il restauro della Croce di Canneto.

Print Friendly
Scritto da il 12.5.2003. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    21 giorni, 0 ore, 43 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it