SANTA ANASTASIA PATRONA DI PIOMBINO: LA STORIA

Due sono le fonti medievali sulla vita di Santa Anastasia vergine patrona di Piombino, la prima è il Martirologio Romano, la seconda è la Leggenda Aurea di Jacopo da Varazze.

Il Martirologio Romano ricorda solamente che il 25 Dicembre è il giorno natale della santa, cioè la data del suo martirio avvenuto nell’isola di Palmaria dove fu torturata, legata al palo e arsa viva al tempo di Diocleziano.

La Leggenda Aurea è invece più circostanziata, ci ricorda l’origine nobile della santa, la sua educazione cristiana, ricevuta prima dalla madre e perfezionata da san Crisologo. Quindi il suo matrimonio per costrizione con un certo Publio e la conservazione della verginita per mezzo di una simulata malattia.

Il marito tentò allora di farla morire per fame al fine di impadronirsi almeno della sua ricca dote. Ed infine la liberta ottenuta grazie alla morte improvvisa del marito stesso.

Diocleziano, persecutore dei Cristiani, la volle maritare a un prefetto, ma, avendo questo perso prima la vista e poi la vita, allora l’imperatore le impose un altro prefetto come marito.

Questi pur di impadronirsi delle sue ricchezze si dichiarò disposto a a rispettare la sua verginità, ma Anastasia si rifiutò perché desiderava donare le sue ricchezze ai poveri.

Fu allora relegata con almeno duecento cristiani e altre settanta cristiane nell’isola di Palmaria e quindi condannata al rogo, mentre gli altri cristiani furono uccisi in modi diversi (condannati su una barca che Floro poi fece affondare).

Era l’anno 287. Anastasia è patrona di Piombino e il suo culto era già radicato nel trecento e probabilmente è anteriore. Ciò a fatto identificare l’isola di Palmaria con l’isola di Palmaiola, situata nel canale di Piombino, ma è possibile che l’isola sia quella omonima situata nei pressi di Ponza o quella pure omonima posta innanzi a Portovenere.

Palmaiola nel canale di Piombino fu proprietà di nobili pisani e il corpo di una santa Anastasia fu traslato a Pisa nel 1085 dal vescovo di Populonia, Guglielmo, già residente a Massa e Legato pontificio in Sardegna.

Non conoscendo di dove il corpo fosse stato tratto, esiste una possibilità che il luogo del martirio di santa Anastasia e dei suoi compagni sia proprio il piccolo isolotto nel canale di Piombino.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 8.5.2003. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    2 mesi, 19 giorni, 14 ore, 24 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it