SEMINARIO SULL’AUTOIMPIEGO AL CIRCONDARIO

Come si pianifica un’attività d’impresa? Cosa è opportuno analizzare e prevedere prima dell’inizio dell’attività? Come è strutturato un business plan? Quali contenuti deve avere?
Questi argomenti saranno oggetto di un seminario organizzato dalla Provincia di Livorno presso il Centro per l’Impiego di Piombino nell’ambito del servizio impresa/autoimpiego, che si terrà nella sala della sede di viale della Resistenza 4, martedì 6 maggio 2003, dalle ore 10 alle 13.

Al seminario interverrà Duccio Marchi, consulente del Csp Bic Livorno, che discuterà insieme ai partecipanti delle previsioni necessarie per la pianificazione di ogni iniziativa imprenditoriale: l’investimento, cioè l’esborso necessario per acquisire i beni strumentali dell’impresa, l’organizzazione delle persone che interverranno nell’attività dell’impresa, i processi attraverso i quali quell’attività si realizzerà, il fabbisogno finanziario per la gestione ordinaria dell’impresa.

Ogni attività ha maggiori opportunità di successo se viene pianificata, cioè prevista prima di essere realizzata, ma un’attività di impresa, per la sua complessità e per i rischi che comporta rispetto alle altre forme dell’attività umana, non può prescindere dalla pianificazione, cioè dalla previsione il più possibile approfondita di tutti i dettagli in cui si svilupperà l’impresa e dei vincoli che l’attività potrà incontrare.

Il seminario analizzerà i contenuti tecnici che un business plan deve avere: la descrizione approfondita dell’iniziativa, l’analisi del mercato in cui l’impresa andrà ad inserirsi, sia dal punto di vista dei clienti potenziali (domanda) che nella concorrenza (offerta), la determinazione del presso dei prodotti e delle quantità di produzione (capacità produttiva), l’organizzazione che assumerà l’impresa (le persone che realizzeranno l’attività, i processi aziendali che saranno sviluppati, la forma giuridica prescelta), il programma temporale di inizio dell’attività e del raggiungimento del “regime”, una previsione economica pluriennale che permetta di valutare le scelte produttive effettuate e dei risultati attesi.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 30.4.2003. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 16 giorni, 16 ore, 40 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it