”UN GIORNO PER L’AFRICA” IN MOSTRA A PIOMBINO

Si chiama “Un giorno per l’Africa” ed è un programma di iniziative promosse dalla Provincia di Livorno, a partire dal 1 al 10 aprile, per la solidarietà all’Africa, in collaborazione con il Comune di Livorno ed una serie di associazioni ed enti di solidarietà che operano nell’ambito della cooperazione internazionale.

Momento centrale di questa manifestazione è una mostra intitolata appunto “Un giorno per l’Africa” allestita dalla ONLUS “Chiama l’Africa” con sede a Parma.
La mostra sarà esposta a Livorno, nei locali dell’ex Mascagni (la villa del Presidente) dal 1 al 6 Aprile, ed a Piombino, nei giorni 8 – 9 – 10 aprile, dalle ore 9 alle ore 18.
La manifestazione prevede inoltre molte iniziative storico culturali, spettacolari e di cooperazione decentrata.

Per le iniziative piombinesi, dal giorno 8 aprile fino al 10 la mostra verrà allestita presso il Liceo Scientifico e Classico “Carducci” in via della Pace, 27.
Il giorno 9 aprile a Piombino si svolgerà un concerto di musica africana ed alle ore 21 del giorno successivo presso la circoscrizione “Porta a Terra” in via Cellini, 9, si terrà un Consiglio di Quartiere sul tema “L’Africa può … quale cooperazione” al quale parteciperà Eugenio Meandri, Coordinatore Nazionale “Chiama l’Africa”.

“L’iniziativa – spiega il Presidente del Consiglio Provinciale, Nunzio Marotti – si inserisce nel ciclo dei numerosi interventi che il Consiglio Provinciale sta da tempo portando avanti nell’ambito della cooperazione internazionale e dello sviluppo e crescita dei popoli più deboli. Riaccendere l’attenzione e il dibattito sull’Africa è oggi di grande importanza in favore di un continente che tanto ancora deve conquistare in termini di diritti umani e di prospettive di crescita e sviluppo”.
He.Nd.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 7.4.2003. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 17 giorni, 23 ore, 39 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it