‘LO STRANIERO DI CAMUS’ SUL PALCO DEL CONCORDI

Lo straniero di Albert Camus, uno dei testi più interessanti della letteratura del ‘900, sarà portato in scena da Marco Baliani, diretto dalla regista Marta Maglietta, nell’ambito della Stagione teatrale del Teatro dei Concordi di Campiglia M.ma, mercoledì 26 marzo alle 21.15.

L’attore, con la sua arte del narrare, si avventura nella coscienza del personaggio Meursault e nella percezione profonda e dolorosa della mancanza di autenticità presente nella vita di tutti i giorni. Il racconto è costruito a ritroso rispetto al romanzo, ma rimane fedele allo stile chiaro e semplice dell’autore. Il montaggio fatto di pezzi e frammenti che bene evocano la precarietà della vita dell’uomo, fa rivivere la vicenda dell’impiegato di Algeri dalla cella in cui è rinchiuso, colpevole di avere ucciso un arabo, cercando di trovare il senso che l’ha originata.

Il racconto che si dipana non spiega la vita, la mostra in tutta la sua assurdità, e come afferma Baliani: “se oggi provo a raccontare interpretando Lo straniero di Camus è perché il mondo intorno mi appare quanto mai indicibile, lontano dalla possibilità di essere ordinato in una trama, in un ordito di senso.
In questo scenario di false voci che gridano dai teleschermi menzogne ripetute, la storia di Meursault è esemplare nel suo rifiuto di ordinarsi in un racconto sensato”.

Da vicenda personale il narrare diventa allora viaggio mitico della coscienza contemporanea, colta in tutta la sua inquietudine, un’indagine sull’indifferenza che diventa, in realtà, un’estraneità attiva, una scelta vissuta e accettata dal protagonista come itinerario della mente verso la verità. E tutto il senso di quella ricerca diventa così, ad un livello più ampio, metafora straordinaria del dramma dell’incomunicabilità che quel testo ancora oggi, dopo oltre cinquanta anni dalla sua uscita, riesce ad imprimere fortemente sulle nostre coscienze, avviandoci ad una riflessione sul “male di vivere” e sulla nostra inquietudine di uomini alla deriva nel caos della modernità.

Per informazioni, prenotazioni e acquisto dei biglietti è possibile rivolgersi al botteghino del Teatro (tel. 0565 837028).
Il prezzo dei biglietti è di € 17 nei primi posti, € 14,50 nei secondi posti, € 12,00 nei ridotti, questi ultimi riservati agli studenti fino a 26 anni e agli anziani oltre i 65 anni.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 25.3.2003. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    2 mesi, 19 giorni, 14 ore, 23 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it