L’ORDINE DEL GIORNO DEL CONSIGLIO COMUNALE CONGIUNTO SULLA PACE

A gentile richiesta pubblichiamo:

PRESO ATTO:

– che la cittadinanza della Val di Cornia ha espresso in modo inequivocabile la propria volontà di pace esponendo le bandiere arcobaleno ai balconi e alle finestre;

– della massiccia partecipazione alle manifestazioni del 15 febbraio a Roma e del 1 marzo a Piombino sulla piattaforma del Social Forum Mondiale;

– dell’adesione di tutti i sindaci del comprensorio sui contenuti della suddetta piattaforma;

– della mobilitazione dei lavoratori e dei cittadini per lo sciopero nazionale unitario indetto a seguito dell’attacco americano all’Irak;

– che di fronte a questioni come la guerra e la pace, cittadini e cittadine possano obbedire alla propria coscienza esprimendo forme diverse di opposizione alla guerra, siano esse il digiuno indetto dal Papa, gli scioperi sindacali o azioni di disobbedienza civile non violenta.

I Consigli Comunali della Val di Cornia ritenendo questa guerra illegittima secondo la Carta dei Diritti delle Nazioni Unite e incostituzionale ai sensi dell’Art. 11 della Costituzione Italiana

CHIEDONO:

– che il governo si impegni a rispettare la Costituzione italiana;

– di non fornire alcun supporto politico, diplomatico, operativo e logistico, negando l’uso militare diretto o indiretto di basi, servizi, infrastrutture, spazi aerei e acque territoriali a qualunque azione che configuri un coinvolgimento dell’Italia nelle operazioni belliche;

– di valutare positivamente la proposta del presidente della regione Toscana, già approvata dal Consiglio Comunale di Pisa, di chiudere e di riconvertire ad usi civili la base militare di Camp Darby;

DELIBERANO:

– di confermare e manifestare il sostegno alla pace, nonché la contrarietà di questi Consigli Comunali al conflitto armato;

– di esprimere la contrarietà che sui territori comunali transitino mezzi militari e civili che trasportino armi ed equipaggiamenti militari finalizzati alla guerra.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 21.3.2003. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 19 giorni, 1 ora, 12 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it