MANIFESTAZIONE PER LA PACE A PIOMBINO: LE FOTO

Tante bandiere colorate per dire no alla guerra in Iraq. Questo era il messaggio che migliaia di abitanti della Val di Cornia hanno voluto trasmettere sabato 1° marzo nella manifestazione che ha invaso le vie del centro di Piombino.

L’iniziativa che ha visto l’adesione di numerose associazioni, movimenti politici, studenti e r.s.u. delle fabbriche ha visto compatta tutta la popolazione dei comuni della Val di Cornia.

Simbolica è stata la presenza di tutte le amministrazioni comunali che erano presenti in veste ufficiale con i sindaci in prima fila per manifestare contro le gravissime conseguenze che la guerra in Iraq comporterebbe per tutto il mondo, per il Medio Oriente e per la stessa Europa.

Nel documento con il quale i Comuni hanno dato la propria disponibilità ad essere presenti in veste ufficiale, l’atto richiamava ai principi contenuti nello statuto di ogni località, secondo il quale “Il Comune riconosce nella pace un diritto fondamentale dei popoli, ripudia la guerra come mezzo per risolvere le controversie internazionali ed opera per promuovere una cultura della pace e della cooperazione, favorendo l’incontro tra le città per l’amicizia tra i cittadini del mondo e l’affermazione del diritto di cittadinanza attiva e democratica”.

La manifestazione, dopo che il corteo è transitato per le vie del centro, è terminata con un concerto all’aperto di fronte al palazzo comunale eseguito da una giovane Band che ha cantato canzoni di pace, seguiti dai liberi interventi dei partecipanti che, ognuno a suo modo, hanno voluto manifestare ad alta voce la preoccupazione che coglie tutti di fronte a così importanti momenti della nostra storia.

PREMI
QUI PER VEDERE LE FOTO.

Print Friendly
Scritto da il 1.3.2003. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    tra 3 giorni, 20 ore, 33 minute

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it