TELERISCALDAMENTO: LA SCOPERTA DELL’ACQUA CALDA

da “LA NAZIONE” del 15-01-03
PIOMBINO — E se l’energia pulita invece delle pale eoliche passasse per il teleriscaldamento? L’Alta Val di Cornia si è già organizzata e da noi esistono aree con acqua calda che potrebbe essere sfruttata: meno costi e soprattutto azzeramento dell’inquinamento. I comuni però devono effettuare programmazioni adeguate.

L’idea non è certo campata in aria, realtà vicine, come Pomarance, Serrazzano, Sasso Pisano, sfruttano già il calore per riscaldare un numero non limitato di utenze.
«Dove ci sono cogeneratori tutto è possibile, la distanza che Enel sta sperimentando per il teleriscaldamento per adesso è di 5 chilometri» fa sapere Pierdomenico Burgassi dell’Enel.

In Val di Cornia abbiamo anche il calore che viene sviluppato dalla Lucchini, in pratica le fonti di calore che necessitano di raffreddamento potrebbero essere dirottate, attraveso dei tubi incanalati, nelle abitazioni. Ma non solo. Ci sono studi che testimoniano la presenza, a monte di Campiglia, di molti pozzetti con acqua a 50 gradi, basta poi vedere Fossa Calda, il Calidario a Venturina. «L’acqua che serve per riscaldare è di 80 gradi però se venisse realizzato un impianto con pannelli radianti allora basterebbe, per riscaldare, addirittura acqua a 35 gradi» fa sapere Burgassi.

I prezzi sono alti? Gli allacciamenti a Pomarance variano da 800 ai 1500 euro e il costo del servizio è di 450 delle vecchie lire per ogni metro cubo al mese, al netto di Iva e del contributo statale di 58 lire.
A questo punto i fluidi derivati dal petrolio potrebbero essere utilizzati per usi più nobili, certo non per riscaldare acqua per uso domestico, uno spreco inutile, ma soprattutto un dannoso inquinamento. È bene ricordare che come bruci produci Co2.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 15.1.2003. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    1 mese, 16 giorni, 7 ore, 38 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it