NATALE 2003: IL MESSAGGIO DEL PAPA

Il messaggio del Papa:
“Gesù nasce per l’umanità
che va in cerca della pace”.

Il Papa vuole ricordalo al mondo nella notte di Natale, quando tutta la Chiesa, con una liturgia solenne e antichissima, rivive la nascità di Gesù, uno degli eventi fondanti la sua fede. “Gesù – afferma ancora il Papa nell’omelia della messa di mezzanotte – nasce per ogni uomo oppresso dal peccato, bisognoso di salvezza e assetato di speranza”.

“Gesù nasce per
l’umanità che va in cerca di libertà e di pace”. Il Papa
l’ha ricordato al mondo nella notte di Natale, quando tutta la
Chiesa, con una liturgia solenne e antichissima, ha rivissuto la
nascità di Gesù, uno degli eventi fondanti la sua fede.

“Gesù – afferma ancora il Papa nell’omelia della messa di
mezzanotte – nasce per ogni uomo oppresso dal peccato, bisognoso
di salvezza e assetato di speranza”.

E “l’icona del Natale” altro non è che “un fragile
neonato, che le mani di una donna proteggono con poveri panni e
depongono nella mangiatoia”. Questa icona, rammenta Giovanni
Paolo II citando san Paolo, “ci insegna a rinnegare l’empietà
e i desideri mondani e a vivere con sobrietà, giustizia e
pietà”. Attraverso l’immagine del Cristo bambino “é
possibile anche per noi, uomini del terzo millennio – aggiunge
papa Wojtyla – incontrare Cristo e contemplarlo con gli occhi di
Maria”.

“Il bambino giacente nella povertà di una mangiatoia:
questo è il segno di Dio. – sottolinea il Pontefice – Passano i
secoli e i millenni, ma il segno rimane, e vale anche per noi,
uomini e donne del terzo millennio. E’ segno di speranza per
l’intera famiglia umana: segno di pace per quanti soffrono a
causa di ogni genere di conflitti; segno di liberazione per i
poveri e gli oppressi; segno di misericordia per chi è chiuso
nel circolo vizioso del peccato; segno d’amore e di conforto per
chi si sente solo e abbandonato”.

La Basilica di San Pietro era gremita in occasione della tradizionale messa di Natale. Ed è stata letta anche una preghiera in arabo da uno dei fedeli. Il Papa, con le sue parole, ha voluto poggiare il suo sguardo sulla situazione del Medio Oriente e sulla Palestina.
E alle 11,30, il Papa impartirà, da San Pietro, la benedizione Urbi et Orbi. Si collegheranno 50 paesi da tutti i continenti.

Print Friendly
Scritto da il 25.12.2002. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    tra 2 giorni, 18 ore, 31 minute

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it