GLI AUGURI DEL VESCOVO SANTUCCI PER LE FESTE

Il Vescovo della Diocesi di Massa Marittima-Piombino nell’augurare Buon Natale e Felice anno Nuovo a tutti, ci invita a riflettere sui valori della Pace e del dono del Natale.

Cari amici,

Prossimi al Natale desidero formulare un augurio per voi, per le vostre famiglie, le comunità.

Mi sembra poco utile e non espressivo usare una formula generica quale troviamo nei biglietti augurali che recitano Buon Natale e Felice Anno nuovo; sono dorati, scritti in molte lingue, senza data, validi per tutti e per nessuno.
Mi sembra corrispondano più ad un bisogno convenzionale che non ad un moto dell’animo.

L’augurio, come parola, dice riferimento alla divinità di cui si interpreta la volontà su di noi.
Per noi cristiani l’augurio è che si realizzi, nella vita, quanto il Natale significa e che il Nuovo Anno, il tempo nuovo donato a noi, sia spazio utile per questa realizzazione.
Leggi Tutto…


Il Natale ricorda, celebra, fa rivivere la nascita di Gesù, la venuta tra noi, come uomo, del Figlio di Dio. 2000 anni fa ci fu chi lo accolse con gioia, chi con indifferenza, chi lo rifiutò.
La Sua parola, il Suo insegnamento, la Sua persona hanno suscitato reazioni profonde e violente. La crocifissione, drammaticamente, ha espresso il rifiuto di Lui.
La resurrezione, la Pasqua, è nuovo inizio della presenza di Gesù, non più nella umanità del Suo corpo ma nella potenza dello Spirito.

Oggi incontriamo la Sua parola e la Sua persona nella fede e nella comunità dei credenti. La proposta è sempre la stessa.
L’uomo, ciascuno di noi, e la sua storia hanno bisogno di liberazione e di redenzione, che sono dono di Dio.
Un dono che chiede di essere accolto perché la speranza di un domani gioioso e sereno nasca dentro di noi, fiorisca tra le nostre stanchezze e delusioni, sia frutto di una vita nuova, la vita di Dio, che chiede di essere accolta.

Nel Natale allora si esprimono due grandi realtà: Dio ama l’umanità, noi siamo protagonisti del nostro cammino, personalmente e comunitariamente.

L’augurio che desidero condividere con ciascuno è che il Natale ci trovi disponibili ad accogliere questa novità che irrompe nella vita, ad accettare questa sfida di pensare un mondo di fratelli che vivono nella pace sperimentando la gioia della condivisione.

No mi faccio illusioni, ci saranno ancora persone che hanno capito tutto, che sanno cosa fare, che non si rassegnano a cambiare. Nell’anno 2003 avremo gli stessi problemi di guerra di violenza, di disoccupazione, di solitudine, di disperazione…. Ma non posso dimenticare che è natale, che Dio non si stanca di noi, che Gesù nasce, muore e risorge per salvare il mondo e chiede a me di essere con Lui in questa impresa.

Buon Natale, Gesù nasce nella storia del mondo e nel cuore di ogni uomo di buona volontà.

Giovanni Santucci

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 22.12.2002. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    4 mesi, 17 giorni, 4 ore, 8 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it