”BULLI E BULLE”: NE VITTIME NE PREPOTENTI

Apre il 18 novembre a Pisa una mostra interattiva per scuole e famiglie, contro le prepotenze e le prevaricazioni tra ragazzi/e.

La mostra, organizzata dalla Regione e in collaborazione con le ASL, è strutturata con moduli dove bambini e ragazzi, di età compresa tra 9 e 13 anni, autonomamente e a piccoli gruppi, possono “imparare facendo”, cimentandosi in giochi di ruolo, problem-solving, autovalutazioni, attività di cooperazione e di simulazione di situazioni possibili relative alle interazioni tra persone.

La mostra si prefigge il raggiungimento di diversi obiettivi educativi e psico-pedagogici:

• conoscitivi (esistono varie abilità socio-affettive; la prepotenza è un comportamento inaccettabile; alle prevaricazioni si può reagire correttamente);

• percettivi e di esperienza (diversi atteggiamenti e diverse abilità sono alla base di differenti comportamenti sociali; si può scegliere tra diverse abilità comunicative e si possono migliorare le proprie abilità);

• comportamentali (i comportamenti sociali possono essere esplorati, nominati, ammirati o criticati; è possibile assumere adeguati comportamenti quando si è vittima di prepotenza o si assiste ad atti di prepotenza).

Ogni giovane visitatore potrà, seguendo il percorso, annotare i propri comportamenti su una guida di autovalutazione, strumento valido da cui partire per sviluppare, in classe o in altri contesti, percorsi mirati a livello individuale o di gruppo.

Sarà a disposizione di insegnanti ed educatori materiale e documentazione scientifica specifica per facilitarli nella successiva rielaborazione dei temi della mostra sulla base delle indicazioni emerse durante la visita.
Info:050-21531 – e-mail:bulliebulle@leopolda.it

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 10.11.2002. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    4 mesi, 21 giorni, 7 ore, 24 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it