NASCE LA CONSULTA UNIVERSITARIA DI LIVORNO

Si rafforzano e si intensificano i rapporti di cooperazione tra l’Ateneo di Pisa e gli Enti locali della provincia di livorno

L’Università di Pisa, la Provincia di Livorno e i Comuni di Cecina, Collesalvetti, Livorno, Piombino, Portoferraio e Rosignano Marittimo, hanno ufficialmente dato vita alla Consulta Universitaria di Livorno, che ratifica e rilancia il legame tra l’Ateneo e il territorio labronico.

Questa innovativa esperienza, la prima di questo genere attuata in Italia, nasce infatti dalla consolidata collaborazione che si è sviluppata, nel corso degli anni, tra enti locali livornesi ed Università, nell’ambito della ricerca scientifica, ai fini dello sviluppo sociale ed economico, delle attività di formazione, dell’avvio allo studio universitario, dell’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro.
Leggi Tutto…

“La Consulta – commenta l’assessore alla Pubblica Istruzione Simonetta Polverini, che ha firmato per il Comune di Piombino l’atto costitutivo, il 27 settembre a Livorno – formalizza e stringe ulteriormente i rapporti tra l’Università di Pisa e la nostra città, dove sono stati attivati i primi corsi universitari teledidattici in ingegneria meccanica ad orientamento siderurgico (presso l’agenzia Siderfor), si è svolto il Salone dell’orientamento (marzo 2001) ed è attualmente in fase di organizzazione lo sportello universitario.

C’è indubbiamente una volontà comune di potenziare questo collegamento e la convenzione firmata a Livorno apre la strada a nuove prospettive e tipologie di collaborazione, anche in relazione alle novità introdotte dalla riforma universitaria ed alla disponibilità in loco di strutture idonee”.

Questi in sintesi gli obiettivi statutari, che i firmatari si impegnano a perseguire in cooperazione: l’ampliamento dell’offerta formativa secondo i bisogni di sviluppo della società civile e produttiva; l’aggiornamento professionale, tecnico e scientifico (anche per i dipendenti degli enti, associazioni ed imprese della Consulta); la promozione di progetti di ricerca finalizzati ai piani di sviluppo economico, sociale ed infrastrutturale, alla produzione, ai servizi e alle amministrazioni pubbliche e private locali; la diffusione e conoscenza dei risultati delle ricerche condotte presso le strutture universitarie; l’organizzazione di manifestazioni a carattere culturale e scientifico, dove ciascuna delle parti aderenti alla Consulta metterà a disposizione il proprio patrimonio artistico, biblioteconomico, archivistico.

L’Assemblea si riunirà in seduta ordinaria con cadenza semestrale (gennaio e settembre) e sarà presieduta a turno dal Rettore, dal Presidente della Provincia e dal Sindaco del Capoluogo. E’ previsto che alla Consulta possano aderire anche Associazioni e Imprese interessate.
In futuro, all’esperienza pilota della Consulta di Livorno potrebbe far seguito l’istituzione di organismi analoghi nelle altre province toscane, collegati tramite una Consulta Interprovinciale.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 4.10.2002. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 18 giorni, 21 ore, 40 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it