MALCONTENTO ALL’INIZIO DELL’ANNO SCOLASTICO

da “IL TIRRENO” di martedì 17 settembre 2002

Tutti in classe con il broncio.
C’è malcontento tra studenti, docenti e presidi; Il dirigente dei licei: «Non c’è attenzione per l’istruzione»

PIOMBINO. «No alla scuola spazzatura, no alla riforma Moratti», comincia così il nuovo anno scolastico. Lo slogan scritto sul manifesto del Movimento studentesco, è apparso ieri mattina fuori dal liceo.
E come primo giorno di scuola molti studenti si sono presentati con gli zaini dentro sacchi di spazzatura: «Un modo per dimostrare la nostra contrarietà alla riforma del ministro Moratti che considera la scuola pubblica come spazzatura» dicono ragazzi.
Leggi Tutto…

Un simbolo eccessivo o davvero in giro c’è scarsa considerazione per la scuola?
Se si chiede al preside del liceo classico e scientifico, Fabio Grandi, di dar sfogo alle sue preoccupazioni per quest’anno, ammette: «No, non c’è la dovuta attenzione per le scuola, si parla tanto di programmi ma in fondo nessuno interviene».

Quanto alla discussa riforma delle superiori, Grandi è convinto che non sia affatto vicina, e del resto lo diceva anche l’anno scorso quando sembrava che a settembre tutto dovesse cambiare.
La proposta del ministro Moratti prevedeva tra l’altro una divisione netta tra liceo e istituti tecnici, i primi statali, gli altri regionali.

Nemmeno il preside Mario Bernardini, degli istituti tecnici Ipsia e Iti, pensa che la riforma scolastica sia proprio dietro all’angolo.
Così ieri, all’apertura delle scuole, si sentiva di affermare: «La riforma quest’anno non parte, anzi io credo che non potrà essere fatta nemmeno l’anno prossimo».

Guaio è che non partono nemmeno i finanziamenti, cioè i soldi che dovrebbero venire assegnati alle scuole in nome di una tanto sbandierata autonomia finanziaria.
Il preside di Iti e Ipsia precisa: «Manca ancora una parte dei finanziamenti per lo scorso anno scolastico, non sono arrivati». Figurarsi quelli del 2002-2003.

Al liceo Carducci invece qualche spicciolo in questi giorni è arrivato: «In particolare sono arrivati circa 2 mila euro – dice il preside – è il secondo acconto per pagare gli insegnanti che hanno fatto l’esame di stato. Manca ancora una terza parte di questi finanziamenti, il saldo». Quindi, conti alla mano, aggiunge: «I soldi del primo acconto li abbiano già dati agli insegnanti, ma come faccio a dare ora questo scondo acconto, sono spiccioli, non posso mica pagarli a pezzi e bocconi. Li metterò da parte e aspetto che arrivi il saldo, almeno pago tutt’insieme».
Così l’autonomia finanziaria viene tenuta viva con finanziamenti a gocce.

Intanto per il nuovo anno scolastico 2002-2003 nessun preside sa minimamente cosa potrà spendere. Difficile quindi programmare.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 17.9.2002. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 18 giorni, 21 ore, 44 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it