PELUCHE NELLO ZAINO UNA MALATTIA CONTAGIOSA

da “IL TIRRENO” di lunedì 16 settembre 2002

PIOMBINO. Viva gli animali della fattoria, se sono di peluche. Con la partenza del nuovo anno scolastico riparte l’acquisto al «giocattolino peloso» che terrà compagnia e porterà un po’ di fortuna agli studenti (che lo lasceranno agganciato allo zaino).

Il fascino del peluche è intramontabile: dai primi mesi di vita in poi uomini e donne saranno sensibili a questo giocattolo che, via via si trasformerà in amico di giochi, regalo alla fidanzata o a lui, oggetto per la casa e di nuovo compagno di giochi per il proprio bambino.
Leggi Tutto…

Con l’estate ormai da archiviare sta passando la moda del peluche marino, polpo e delfino in prima linea. E ne arriva un’altra: quella degli animali della fattoria. Tra tutti spicca il coniglietto.
Ma vanno alla grande anche tutti gli altri «vicini di fattoria», dalla mucca alle galline. Motivo?
Per gli esperti che studiano le tendenze sta per irrompere l’ultima moda, la «self cocoon», che tradotto significa l’«autococcolamento».

Dopo che ci hanno tartassato con l’euro, l’aumento dei prezzi e le questioni politiche, dopo che il maltempo si è fatto sentire, dopo un’estate di caldo e strapazzo, ora le temperature più basse, portano con sè l’idea che bisogna iniziare a coccolarsi un po’.
Ed in questo senso i peluche sono quasi imbattibili, tengono caldo e fanno compagnia.
Sarà per questo che gli orsi, i più veterani tra i peluche, hanno ancora una loro bella fetta di mercato.

Da Arcobalegno a Piombino dicono: «Io ho soltanto peluche per i bambini piccolissimi, da 0 a 3 anni, ma vedo che li comprano un po’ tutti, le ragazzine per la scuola, i fidanzati per le loro ragazze».

«Molti ragazzini – dicono alla cartoleria piombinese Charlie – ci chiedono Winny the pooh, quelli che hanno un’età maggiore spaziano a 360 gradi. Tra gli animali ora ci chiedono papere, tartarughe, la pantera nera, che è fra le novità di questi ultimi tempi».

Ma anche i peluche tradizionali non conoscono cedimenti. Da Charlie, a San Vincenzo confermano: «I peluche classici, come gli orsi ad esempio, hanno ancora un mercato tutto loro. Certo, in occasione del Natale e di San Valentino, di novità ne circolano molte di più, ma gli orsi sono sempre fra i preferiti».
Concordano anche da Unidea, di San Vincenzo: «Gli orsacchiotti ed i conigli sono i peluche più richiesti. Li comprano un po’ tutti, alcuni li scelgono anche come portachiavi».
Anche dal punto di vista economico i peluche sono imbattibili: ce n’è per tutte le tasche.
Quelli più economici li puoi acquistare spendendo solo 4-5 euro, ma chi può arriva a spenderne anche 100 di euro per un regalo un po’ originale.
E tra le marche, quelle che tirano di più, sono quelle che riproducono più fedelmente l’animale, come ad esempio la «Trudy».

In ogni caso quando si acquista un giocattolo di questo genere meglio stare attenti che il peluche abbia il marchio «Ce», cioè sia stato fabbricato seguendo le normative europee in materia di sicurezza. In questo modo durerà anche più a lungo.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 16.9.2002. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    1 mese, 16 giorni, 23 ore, 1 minuto fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it