IL FUMO E’ RESPONSABILE DEL 12% DELLE MORTI IN TOSCANA

Si celebra oggi la giornata mondiale senza tabacco.
Maremmanews del 31/05/02

Firenze 31/05/02 : Anche la Regione Toscana celebra oggi la giornata mondiale senza tabacco, ma sceglie di farlo in modo non retorico o rituale.
“Ricordo a tutti noi – esordisce l’assessore regionale al diritto alla salute, Enrico Rossi – che il fumo è il responsabile del 12% del totale delle morti che si verificano in Toscana e che tra fumo e malattie polmonari o cardiache c’è una correlazione diretta dagli esiti spesso micidiali.
Non si tratta di allarmismo, ma di un pacato invito alla riflessione sui danni che il fumo produce a se stessi e agli altri”. Leggi Tutto…

Al sigaro, alla pipa e alla sigaretta in Toscana dicono di sì 500.000 uomini e più di 350.000 donne, cioè un maschio su 3 e il 22% delle donne, ma queste ultime sono in crescita e stanno aumentando al ritmo del 2% ogni anno.
Preoccupante anche il dato che riguarda i giovani fumatori: tra gli under 20 uno su 5 è fumatore. La prevenzione è fondamentale, considerato che circa il 90% dei fumatori inizia a farlo prima dei 18 anni e che le conseguenze per la salute derivanti dal fumo di tabacco sono tanto più gravi quanto più bassa è l’età in cui si inizia a fumare.
Il fumo è la principale causa di morte nella popolazione adulta dei Paesi industrializzati. Ogni anno nel mondo sono 3 milioni (di cui 500.000 donne) le persone che muoiono per il fumo. “E’ di fronte a queste cifre – aggiunge l’assessore Rossi – che voglio rivolgere un invito a coloro che vorrebbero smettere ma non ci riescono, a contattare uno dei 24 centri antifumo che abbiamo attivato presso ciascuna Asl. Lo scorso anno sono stati 1.500 a farlo, con risultati incoraggianti.
Il 50% dei fumatori dichiara che vorrebbe smettere. Noi per loro abbiamo attivato più servizi di qualsiasi altra Regione, perché crediamo nell’educazione alla salute e nell’intelligenza dei nostri concittadini”. Sono oltre 10 milioni gli italiani che sono riusciti a smettere e lo stesso assessore Rossi è uno degli ultimi ad averlo fatto.
La Regione lancia una campagna con uno slogan unificante: “Insieme senza fumo”, ed invita tutti a rivolgersi per informazioni al numero verde 800-860070.
Entro il mese prossimo saranno collocati presso gli ingressi di tutti gli ospedali toscani, 250 orci di terracotta, portacenere enormi ed eleganti che conterranno l’invito a spengere sigari e sigarette.
Conitnueranno gli incontri nelle scuole per illustrare ai giovani i danni prodotti dal fumo ed è allo studio una delibera che prevede di innalzare da 200 a 2.000 euro le sanzioni per chi fuma nei luoghi dove è vietato, a partire dagli ospedali. (tc)

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 1.6.2002. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    1 mese, 15 giorni, 17 ore, 23 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it