IL FUMO E’ RESPONSABILE DEL 12% DELLE MORTI IN TOSCANA

Si celebra oggi la giornata mondiale senza tabacco.
Maremmanews del 31/05/02

Firenze 31/05/02 : Anche la Regione Toscana celebra oggi la giornata mondiale senza tabacco, ma sceglie di farlo in modo non retorico o rituale.
“Ricordo a tutti noi – esordisce l’assessore regionale al diritto alla salute, Enrico Rossi – che il fumo è il responsabile del 12% del totale delle morti che si verificano in Toscana e che tra fumo e malattie polmonari o cardiache c’è una correlazione diretta dagli esiti spesso micidiali.
Non si tratta di allarmismo, ma di un pacato invito alla riflessione sui danni che il fumo produce a se stessi e agli altri”. Leggi Tutto…

Al sigaro, alla pipa e alla sigaretta in Toscana dicono di sì 500.000 uomini e più di 350.000 donne, cioè un maschio su 3 e il 22% delle donne, ma queste ultime sono in crescita e stanno aumentando al ritmo del 2% ogni anno.
Preoccupante anche il dato che riguarda i giovani fumatori: tra gli under 20 uno su 5 è fumatore. La prevenzione è fondamentale, considerato che circa il 90% dei fumatori inizia a farlo prima dei 18 anni e che le conseguenze per la salute derivanti dal fumo di tabacco sono tanto più gravi quanto più bassa è l’età in cui si inizia a fumare.
Il fumo è la principale causa di morte nella popolazione adulta dei Paesi industrializzati. Ogni anno nel mondo sono 3 milioni (di cui 500.000 donne) le persone che muoiono per il fumo. “E’ di fronte a queste cifre – aggiunge l’assessore Rossi – che voglio rivolgere un invito a coloro che vorrebbero smettere ma non ci riescono, a contattare uno dei 24 centri antifumo che abbiamo attivato presso ciascuna Asl. Lo scorso anno sono stati 1.500 a farlo, con risultati incoraggianti.
Il 50% dei fumatori dichiara che vorrebbe smettere. Noi per loro abbiamo attivato più servizi di qualsiasi altra Regione, perché crediamo nell’educazione alla salute e nell’intelligenza dei nostri concittadini”. Sono oltre 10 milioni gli italiani che sono riusciti a smettere e lo stesso assessore Rossi è uno degli ultimi ad averlo fatto.
La Regione lancia una campagna con uno slogan unificante: “Insieme senza fumo”, ed invita tutti a rivolgersi per informazioni al numero verde 800-860070.
Entro il mese prossimo saranno collocati presso gli ingressi di tutti gli ospedali toscani, 250 orci di terracotta, portacenere enormi ed eleganti che conterranno l’invito a spengere sigari e sigarette.
Conitnueranno gli incontri nelle scuole per illustrare ai giovani i danni prodotti dal fumo ed è allo studio una delibera che prevede di innalzare da 200 a 2.000 euro le sanzioni per chi fuma nei luoghi dove è vietato, a partire dagli ospedali. (tc)

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 1.6.2002. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata quella di vero inizio della crisi economica di Piombino. Da allora sono passati solo
    5 mesi, 10 giorni, 17 ore, 11 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it