Parola d’ordine: Fai impresa!

VOLENTIERI PUBBLICHIAMO L’ARTICOLO DI MARCO BRACCI:

La carta vincente per i giovani della Val di Cornia per riuscire a vivere in questa comunità e non solo limitarsi a sopravvivere è imparare a fare impresa; il che non significa solo frequentare corsi tecnici e professionali che danno gli strumenti tecnicistici per avviare un’attività e creare profitto. L’intrapresa a fini economici ha bisogno, prima di tutto, di un approccio culturale diverso: diverso e lontano dalla mentalità chiusa e assistenziale che per troppi anni ha prodotto questa zona; il processo che serve per uscire da questo impasse culturale sarà lungo, tortuoso, a volte e apparentemente regressivo, ma se non iniziano i “giovani”, così genericamente etichettati da molti, ditemi voi chi ha il dovere di farlo? Forse i pensionati ex Ilva, Magona, Dalmine? Penso proprio che da parte di chi, oggi nel 2002 ha 20 anni serva una forte assunzione di responsabilità per imparare a costruire il proprio futuro indipendentemente e malgrado le scelte che alcune passate amministrazioni locali hanno fatto. Gli amministratori facciano il loro dovere, questo è chiaro anche se non scontato. I “giovani” facciano il loro dovere, che è fondamentalmente civile prima che sociale e individuale. Frequentino pure l’Università, lontano dalle loro famiglie, costruiscano pure il loro percorso di studi coerente con le loro aspirazioni, ma se davvero vogliono continuare a vivere e non soltanto sopravvivere nel loro luogo di origine, si impegnino in prima persona perchè il loro futuro sia migliore e perchè la qualità della loro vita sia più elevata rispetto a quella dei loro genitori e dei loro nonni. Io, dai “giovani” mi aspetto questo, cioè una presa di responsabilità delle loro esistenze, dell’identità territoriale di cui sono portatori e una presa di coscienza di un territorio ricchissimo di risorse ancora da sfruttare e da valorizzare. Per questo dico: fai impresa, investi, rischia, credici. Anche perchè un territorio e una comunità, senza speranza nel futuro resta condannato a non avere futuro.

Firmato: Marco Bracci, un “giovane”

VUOI DIRE LA TUA? VAI
AL FORUM

Print Friendly
Scritto da il 4.4.2002. Registrato sotto cronaca. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    tra 2 giorni, 21 ore, 56 minute

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it