Allarme vandalismo

Tratto da “La Nazione” del 12/03/02

CAMPIGLIA — Un’escalation di atti deprecabili sta portando alla ribalta delle cronache giovani della Val di Cornia. Dopo l’orribile pestaggio subito da una tredicenne, arrivano gli atti di vandalismo prima alla Pinetina di Riotorto adesso al parco pubblico della Fossa Calda a Venturina. Senza dimenticare danneggiamenti alle auto e quant’altro.


«Un continuo, un ripetersi di questi gesti che si verificano intorno ai laghetti gestiti dal Cigri – ha spiegato il direttore Enzo Raspolli – sono settimane che quando fa buoi una banda di ragazzi entra dentro i giardini con i motorini e poi dopo aver scorazzato combina guai».
Panchine e cestini divelti e gettati nell’acqua, sfondamento dello sportello dell’impianto elettrico, distruzione delle palizzate e sradicamento di piante e cespugli.
«Abbiamo fatto la denuncia ai carabinieri – ha detto Raspolli – e volevamo fare presente ai genitori dei ragazzi che hanno compiuto questi atti e che probabilmente li compieranno ancora, che una volta individuati il Cigri agirà con tutti gli strumenti legali per il risarcimento dei danni e per la punizione dei colpevoli».
E intanto la società, le istituzioni continuano a domandarsi cosa possa spingere i giovani a compiere questi atti e tentano di individuare soluzioni così come è stato tentato ieri durante la Conferenza dei sindaci della Val di Cornia, dove si è parlato di politiche giovanili.
«E’ necessario puntate sempre più sull’informazione e sulle politiche giovanili non sociali. La ristrutturazione del Centro Giovani è una priorità dei nostri comuni – ha spiegato l’assessore Simonetta Polverini – nell’ottica di favorire i centri di aggregazione giovanili». I sindaci si sono trovati concordi «nell’opportunità di non enfatizzare l’episodio avvenuto a Carnevale, pur riconoscendo la gravità». Tre i punti fondamentali di azione e di intervento individuati dalla Conferenza: la necessità di migliorare e far crescere la comunicazione tra istituzioni, giovani e famiglie, la partecipazione ai progetti territoriali e l’integrazione delle risorse.

di Maila Papi

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 12.3.2002. Registrato sotto cronaca. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    4 mesi, 21 giorni, 7 ore, 26 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it