RIGASSIFICATORE: GIANI ALLUNGA DI 100 GIORNI IL TERMINE PERENTORIO

La nave Golar Tundra

Firenze -Il Commissario di governo Giani, nel totale silenzio del governo e del suo Presidente del Consiglio Meloni, proroga di 100 giorni il termine perentorio dato a SNAM fsru per la presentazione del progetto di spostamento del rigassificatore dopo tre anni di permanenza nel porto di Piombino. Con tutti i precedenti che abbiamo visto in questa città (Khaled, Rebrab, lo sceicco, Jindal, e chi più ne ha, ne metta) credere oggi alle affermazioni dell’AD di SNAM Fsru Elio Ruggeri (una controllata della società principale) e al Presidente di regione Giani (quello della superstrada Colle Val d’Elsa-Venturina e dell’alta velocità sulla linea ferroviaria tirrenica per intendersi) potrebbe apparire quanto meno un po’ da città di sprovveduti.

Nel frattempo i piombinesi, tolte alcune centinaia di persone motivate che hanno compreso il reale rischio, continuano silenziosamente a fare la loro vita basata su ammortizzatori sociali e precariato, con la crisi siderurgica che è totalmente scomparsa dalle cronache nazionali e un porto commerciale deserto che attende, come se fosse l’ultimo “pasto” possibile per la Ex città principato, la pericolosa gasiera di SNAM Fsru.

Eugenio Giani

Ieri, il presidente della Toscana Eugenio Giani, parlando a margine di una conferenza stampa sul rigassificatore di Piombino ha esordito dicendo che “Il posizionamento della piattaforma offshore dopo i tre anni nel porto di Piombino potrebbe essere fuori dalla Toscana e per me potrebbe essere una bella notizia. Snam sta trovando una soluzione che la porti fuori dalla Toscana. La cosa che la società mi ha chiesto, per lavorarci, è una proroga del termine di 150 giorni. Io ho detto che non è possibile, abbiamo fatto i calcoli. Ma darò ulteriori 100 giorni a Snam per trovare una piattaforma al di fuori della costa Toscana”.

“Loro, di Snam – ha aggiunto Giani – da un punto di vista tecnico si devono tenere tutte le porte aperte perché le soluzioni fuori dalla Toscana che stanno valutando non hanno ancora il riscontro della definitività e della certezza. E’ evidente, loro lo sanno, che se io gli do 100 giorni in più, è utile per studiare una soluzione fuori dalla Toscana”.

Giani ha, quindi, precisato che una piattaforma offshore fuori dalla Toscana, dopo i tre anni nel porto di Piombino, sarebbe una buona notizia “perché sono consapevole che il livello di resistenza sociale che ho incontrato in Piombino per prevederne lo stazionamento per questi tre anni in porto dovrei viverlo nella fase successiva anche per la piattaforma offshore”.

A fronte della richiesta di ulteriori 150 giorni per l’indicazione del luogo per l’offshore, Giani ha detto che non era possibile accettare tale proroga più ampia, “perché tra 150 giorni la nave è già in funzione e quindi apparirebbe come un modo per dare la sensazione che la nave rimanga sempre nel porto di Piombino. Quindi abbiamo fatto i calcoli e considerato l’immediata prospicienza del posizionamento della nave, che è tra circa 100 giorni”.

Parlando poi del memorandum Piombino, ovvero le opere compensative, Giani ha precisato che “sull’applicazione del memorandum il rapporto è con il Governo quindi con il ministro ci siamo lasciati dicendo che io la prossima settimana sarò a Roma e discuteremo di tutto questo”.

il porto di Piombino

Elio Ruggeri, A.D. Snam Fsru Italia nell’occasione ha specificato che “È da tempo che stiamo studiando una soluzione per l’ormeggio offshore, abbiamo predisposto gran parte della documentazione necessaria per presentare l’istanza, ma abbiamo riscontrato la necessità di un approfondimento sulla disponibilità dell’impianto di rigassificazione nei periodi invernali, per il rischio di doverlo disconnettere in caso di condizioni meteo marine avverse. Abbiamo chiesto 150 giorni di proroga al commissario Giani, che ha ritenuto di rilasciarne 100, e noi faremo tutto il possibile per trovare un sito idoneo, cercandolo anche al di fuori dalla Toscana”.

“L’indicazione geografica – ha aggiunto Ruggeri – è che il sito sarà nel Centro-Nord Italia per ragioni afferenti al sistema di trasporto del gas nazionale. Faremo del nostro meglio per rispettare i
tempi, stavamo già lavorando in questa direzione, con 150 giorni avremmo avuto più spazio, ma cercheremo di comprimere il lavoro in 100 giorni”.

Ruggeri ha anche evidenziato che “questa proroga, in nessuna maniera, inficia il nostro impegno a delocalizzare l’impianto dopo i primi tre anni nel porto di Piombino. L’autorizzazione è per stare tre anni in porto e non possiamo stare un giorno di più, indipendentemente da quando presenteremo il progetto della collocazione alternativa”.

“I lavori a Piombino per la collocazione del rigassificatore per tre anni nel porto stanno procedendo, i lavori di saldatura dei tubi sono in corso. Contiamo di rispettare la tempistica che ci siamo dati e che prevede l’arrivo della nave nella seconda metà di marzo e l’avvio della rigassificazione entro i primi di maggio”.

________________________________

Ferrari: Gas, ridicola la proroga concessa a Snam

Il Sindaco Francesco Ferrari

«La proroga concessa a Snam è ridicola. Il commissario Giani era stato perentorio: entro 45 giorni Snam avrebbe dovuto individuare il sito dove installare l’off-shore pena il ritiro dell’autorizzazione – commettendo già un’ingiustificata forzatura della procedura – e ora concede oltre tre mesi ulteriori all’azienda per trovare un luogo idoneo.

Tre mesi che scadono proprio quando, secondo Snam, il rigassificatore di Piombino dovrebbe entrare in funzione, al netto della decisione del Tar in merito al ricorso che abbiamo presentato. Il rischio è che il tempo di permanenza della nave nel nostro porto si dilati e questo è inaccettabile.

Anche in questa occasione appare chiara la posizione del Commissario che, fin dal primo momento, ha sempre lavorato per autorizzare l’opera, non per valutarne la fattibilità. È un tassello che si aggiunge a una intera vicenda che squalifica il ruolo delle Istituzioni nella difesa della sicurezza e degli interessi della comunità che rappresentano» conclude Ferrari.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 10.12.2022. Registrato sotto cronaca, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    67 mesi, 1 giorno, 20 ore, 21 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it