ELEZIONI: LE PROPOSTE DELLA CIA-AGRICOLTORI PER RILANCIARE IL PAESE

Venturina – Pubblichiamo la sintesi delle proposte che la CIA Agricoltori Italiani ha stilato alle forze politiche per rilanciare un settore, quello dell’agricoltura sempre più in difficoltà.

Per CIA Agricoltori Italiani sarà necessaria una grande attenzione per le imprese, che hanno subito e stanno ancora subendo gli effetti devastanti della crisi che le investe da tempo, aggravata da altre criticità ed ostacoli che si sono presentati in tutta la loro drammaticità, come il conflitto bellico tra Russia ed Ucraina, l’emergenza energetica, l’aumento della inflazione, l’emergenza siccità, con tutto quello che comporta per il settore agricolo.

Alle forze politiche ed ai candidati, che si confrontano nella competizione elettorale, CIA Agricoltori Italiani, chiede l’impegno a governare, seguendo il metodo del confronto e della concertazione, con i cittadini e con le forze sociali ed economiche presenti sul territorio.

RIPORTIAMO QUI SOTTO UNA SINTESI CHE SARA’ ILLUSTRATA IN DETTAGLIO IL 21 SETTEMBRE PROSSIMO A VENTURINA.

EMERGENZE
Emergenza energetica crisi russo-ucraina
1. Credito imposta per l’acquisto di gasolio agricolo, incluso riscaldamento delle coltura in serra, per il 2022-2023. Incentivi fiscali per sostenere l’acquisto di altri fattori produttivi (mangimi, fertilizzanti, sementi e piantine).
2. Autorizzare in sede UE le imprese agricole a immettere in rete energia elettrica prodotta con il fotovoltaico oltre i propri livelli annui di autoconsumo (art. 8 D.L. 50/22).

Emergenza idrica
3. Esonero dei contributi previdenziali e credito agevolato per imprese agricole dei territori in Stato di emergenza per la siccità.
4. Ristrutturazione immediata della rete di canali e della rete idro-potabile. Progetto infrastrutturale di piccoli invasi/laghetti attuabile con tempistiche certe e procedure semplificate.

Emergenza cinghiali
5. Commissario straordinario per la gestione della fauna selvatica presso Palazzo Chigi con pieni poteri e coordinamento di una cabina di regia regionale.
6. Superamento del regime de minimis nell’ambito del sistema di indennizzi alle imprese agricole.

Emergenza manodopera agricola
7. Semplificazione e maggiore flessibilità degli strumenti per il reperimento della manodopera agricola anche attraverso innovazione digitale.

PNRR
8. Portare a compimento le riforme per poter ricevere nei tempi stabiliti le risorse negoziate. Semplificare le procedure per l’attuazione del Piano.

ORIZZONTE EUROPA
9. Contrastare sistemi di etichettatura, “Nutri-Score”, che penalizzano il Made in Italy . Tutelare le eccellenze agricole italiane di fronte a ingiustificati rischi per la salute umana e al raggiungimento di obiettivi di sostenibilità.
10. Promuovere una politica commerciale UE che valorizzi l’agricoltura e garantisca il rispetto della reciprocità delle regole. Impegno su dossier strategici: revisione del sistema DOP-IGP; visione di lungo termine per le aree rurali; Strategia F2F; Strategia Biodiversità.

AREE INTERNE E AGRICOLTURA
Sostenibilità economica
• Favorire la transizione digitale e la modernizzazione agricola.
• Incentivare reti, distretti e sistemi produttivi a vocazione territoriale.
• Puntare sulla dimensione rurale del turismo nelle politiche di marketing del Paese valorizzando l’agriturismo.
• Rilanciare il ruolo dell’agricoltura giovanile e dell’imprenditoria femminile agricola.

Sostenibilità sociale
• Più infrastrutture stradali, sanitarie e scolastiche.
• Riorganizzazione dei servizi alla persona e adeguamento delle pensioni minime agricole.
• Sostenere e sviluppare le forme di agricoltura sociale.
• Politiche per l’integrazione che puntino sull’agricoltura e sul lavoro agricolo.

Sostenibilità ambientale
• Più ricerca e innovazione in campo varietale e nella difesa delle colture.
• Sviluppare filiere agroenergetiche locali partendo dalla valorizzazione della materia prima agricola.
• Passare definitivamente dalla tutela alla gestione della fauna selvatica riformando la legge n.157 del 1992.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 17.9.2022. Registrato sotto ambiente/territorio, Economia, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    62 mesi, 23 giorni, 23 ore, 58 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it