RIGASSIFICATORE: PER FERRARI PROCEDIMENTO TOTALMENTE VIZIATO

La nave Golar Tundra

Piombino (LI) – Sul Rigassificatore il sindaco di Piombino Ferrari è categorico: “Giani ha rigettato le richieste del Comune in spregio ai principi di democrazia e trasparenza”.

Il Comune di Piombino ha avanzato delle richieste nei confronti del commissario straordinario Eugenio Giani in ordine al procedimento per il rigassificatore. La prima è di avere integrazioni documentali sul progetto da parte di Snam, la seconda per far includere tra i soggetti ai quali viene richiesto un parere anche gli altri Comuni della Val di Cornia, quelli dell’Isola d’Elba, il Comune di Follonica e il Comitato salute pubblica e la terza è quella di avviare un’inchiesta pubblica così da avere uno spazio istituzionale adeguato in cui aprire un dialogo con i cittadini e i portatori di interesse.

Il Sindaco Francesco Ferrari

“Spiace constatare che il Commissario continua ad agire in spregio ai principi di democrazia, trasparenza e partecipazione. – ha commentato il sindaco Francesco Ferrari – Il commissario Giani ha accolto la prima richiesta concedendo a Snam venti giorni per integrare la documentazione originariamente prodotta, gravemente carente sotto molti aspetti, anche e soprattutto per quanto riguarda i numerosi rischi per la salute e la pubblica incolumità. Tuttavia, la Regione Toscana non ha sospeso il procedimento costringendo così tutti gli Enti a esprimere il proprio parere senza avere il tempo di approfondire adeguatamente la documentazione integrativa che sarà depositata da Snam. È un’inaccettabile lesione del diritto di partecipazione per tutti gli Enti, specie per il Comune di Piombino chiamato a difendere un’intera comunità, oltre che degli altri portatori di interessi, i quali dovranno addirittura depositare le proprie osservazioni prima ancora che Snam depositi le integrazioni richieste, e dunque su documentazione progettuale di fatto già superata”.

“L’intero procedimento ne risulta insanabilmente viziato. – ha proseguito – In merito alla richiesta di allargare la platea dei soggetti, il Commissario, senza dare alcuna spiegazione sul motivo di questa scelta, ha accolto solamente i Comuni di San Vincenzo e Campiglia Marittima escludendo tutti gli altri e il Comitato salute pubblica. Se già questo non fosse sufficiente, ha rigettato la richiesta di avviare un’inchiesta pubblica. Secondo il commissario Giani io ho un’ossessione per lui ma non si rende conto che sto solo difendendo un territorio e la salute della popolazione dalle sue decisioni e dal suo modo di intendere la democrazia”, ha concluso Ferrari.

________________________________________________

Gas: Toscana chiede atti integrativi a Snam su Piombino

FIRENZE, 11 AGO – Una richiesta di integrazione dei documenti sul progetto per il rigassificatore di Piombino (Livorno), in base ai pareri già espressi dagli enti e con scadenza 20 giorni, che possa chiarire i dubbi e le criticità evidenziate dagli enti che hanno già inviato il loro parere al commissario straordinario. E’ quanto inviato dalla Struttura commissariale della Regione Toscana a Snam.

In particolare il documento, firmato da Edo Bernini, responsabile del procedimento e direttore della direzione Ambiente ed energia della Regione, chiede a Snam “di integrare la documentazione depositata in riscontro” a quanto indicato da alcuni enti, tra cui i Vigili del fuoco di Livorno, Arpat, l’Autorità portuale, il Comune di Piombino, il Genio civile, il ministero della Transizione ecologica e quello delle infrastrutture.

Si chiede inoltre di “integrare la documentazione con uno specifico studio relativo alle ricadute socio-econimiche del progetto”. La documentazione integrativa dovrà essere trasmessa entro il termine di 20 giorni dal ricevimento della comunicazione della Regione. (ANSA).

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 11.8.2022. Registrato sotto Foto, politica, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    63 mesi, 1 giorno, 10 ore, 55 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it