PIOMBINO E’ SACRIFICABILE E IL RIGASSIFICATORE NON ARRIVA PER CASO

Piombino (LI) – Riceviamo e pubblichiamo integralmente una nota di Futuro Civico sull’ipotesi di un rigassificatore nel porto di Piombino.

________________________________________

PIOMBINO E’ SACRIFICABILE E IL RIGASSIFICATORE NON ARRIVA PER CASO

il logo di Futuro Civico

A distanza di due mesi siamo costretti a tornare ad affrontare un tema che riteniamo estremamente pericoloso per l’intera economia della città di Piombino: quello del rigassificatore della SNAM fortemente voluto dal governo italiano per “ingraziarsi” l’attuale governo americano nel conflitto in corso tra NATO (di fatto gli Stati Uniti) e la Russia.

Regione Toscana e Governo italiano ritengono quindi “sacrificabile” la città di Piombino, la sua economia e le sue bellezze ambientali terrestri e marine.

E purtroppo non per la prima volta, visto che sono più di otto anni che la città subisce “narrazioni siderurgiche” sullo stabilimento, vere e proprie montagne di rifiuti nella discarica di Ischia di Crociano e bonifiche mai finanziate e mai iniziate a distanza di più di venti anni.

Oggi è il turno di dare il colpo di grazia anche al porto commerciale, tarpando le ali all’ultimo potenziale “polmone economico” del territorio.

Il rigassificatore i piombinesi non lo vogliono perché questa cittadina ha già dato tanto alla Nazione e non è disposta oggi a farsi carico di un ulteriore sacrificio, proprio adesso che sta provando a rialzare la testa dopo gli innumerevoli danni che le varie classi politiche che si sono susseguite nel tempo hanno rovesciato su Piombino.

Questo NO al rigassificatore, adottato e portato avanti anche dall’amministrazione comunale nella figura del suo primo cittadino, dovrà essere anche il NO di chi si è fatto eleggere in Regione e in Parlamento come portavoce del nostro territorio.

È arrivato il momento di decidere quindi se stare dalla parte del proprio partito politico che sostiene questa decisione governativa, o impegnarsi in prima persona a fargli cambiare idea, dimostrando quindi concretamente di stare dalla parte dei propri elettori che sono schierati convintamente sul NO.

Questo tipo di impianti non arrivano su un territorio per caso. E’ l’ora che la politica rappresenti realmente il territorio, oppure si faccia da parte se è incapace di rappresentare le sue volontà.

Futuro Civico

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 5.6.2022. Registrato sotto Foto, politica, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    59 mesi, 24 giorni, 7 ore, 53 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it