RIGASSIFICATORE: PER “LA PIAZZA” VECCHI AFFARI ALL’OMBRA DELLA GUERRA

il rigassificatore di Panigaglia (Wikipedia)

Piombino (LI) – Riportiamo una nota de “La Piazza”, relativa al progetto di rigassificatore da fare alle porte della città. Questi impianti, che permettono di riportare un fluido che normalmente in natura si presenta sotto forma di gas, dallo stato fisico liquido (quello con cui viene trasportato nelle navi metaniere) a quello aeriforme, sono «ad alto rischio particolarmente pericolosi e a rilevante rischio di incidente (incendio ed esplosione), producono un non trascurabile inquinamento». Dubitiamo che un simile progetto possa mai andare a buon fine, ma in ogni caso è bene che i cittadini sappiano che il rigassificatore, così come fu per le pale eoliche, nulla ha a che fare con gli impianti siderurgici fermi ormai da otto anni.

___________________________________

RIGASSIFICATORE: PER “LA PIAZZA” VECCHI AFFARI ALL’OMBRA DELLA GUERRA

«La guerra diventa purtroppo l’occasione perfetta per portare a compimento vecchi “affari” ritenuti inaccettabili in tutta Italia.

Sembrava chiaro, fino a poche settimane fa, che per fermare il riscaldamento globale e il pericolo che questo rappresenta per l’intero pianeta fosse indispensabile ridurre drasticamente l’uso dei combustibili fossili (carbone, petrolio, metano). Utilizzando le fonti energetiche rinnovabili (eolico e fotovoltaico) l’Italia potrebbe raggiungere l’indipendenza energetica: se avessimo continuato a incrementare tali impianti a un ritmo di 5900 MW annui (come nel triennio 2010-2013) oggi avremmo potuto fare a meno del 70% del metano che importiamo dalla Russia. Poiché non lo abbiamo fatto, oggi il Governo si limita a scegliere fornitori alternativi alla Russia per fronteggiare la crisi determinata dalla guerra. Invece di predisporre un Piano Nazionale per favorire l’incremento della produzione di energia da fonti rinnovabili ed essere energeticamente indipendenti, si pensa a costruire rigassificatori. C’è ovviamente la proposta di costruirne uno a Piombino (potevamo farci mancare l’ennesimo impianto dannoso per l’ambiente, che nessuno vuole e che quindi è comodo piazzare qui?), utilizzando il nuovo porto e il retroporto.

Una proposta che comunque non risolverà il problema: cambieremmo solo il fornitore. Invece di prendere il metano dalla Russia, lo si farebbe arrivare con le navi dall’America. ma i tempi di costruzione di un rigassificatore sono molto lunghi e questo non consentirebbe di risolvere l’attuale crisi di approvvigionamento. La scelta di costruire nuovi rigassificatori ci impegna inoltre nel medio e lungo periodo: resteremo energeticamente dipendenti e continueremo a far aumentare l’effetto serra.

Pur di costruirli in tempi brevi, il Governo propone addirittura di non sottoporli a Valutazione di Impatto Ambientale: quale occasione migliore per fare affari senza sottostare ai vincoli previsti dalla legge per la tutela dell’ambiente?

Ci chiediamo inoltre: come è possibile pensare alla costruzione di un rigassificatore nel nostro porto, praticamente a poche decine di metri dalla città? Come sarebbe possibile far coesistere le navi metaniere con quelle passeggeri per l’Elba? E il porto turistico in costruzione e gli allevamenti ittici sarebbero a distanza di sicurezza? Questi impianti, oltre ad essere particolarmente pericolosi e a rilevante rischio di incidente (incendio ed esplosione), producono un non trascurabile inquinamento (ma tanto che ci importa? Mica dobbiamo chiedere la VIA…).

Persino Legambiente ha così commentato tale ipotesi: “Ci affanniamo a rincorrere dei modelli che sono obsoleti, e il gas è uno di questi. E poi sembra sempre che il governo si ricordi di Piombino solo quando c’è da appioppargli una patacca“. Perché di una patacca si tratta, che oltretutto non ha nulla a che vedere con lo sviluppo della nostra città.

Perché allora quasi tutti i politici ed alcuni Sindacati hanno espresso parere favorevole, affannandosi a sostenere che questo consentirà di risolvere problemi che non sono minimamente collegabili al rigassificatore (il forno elettrico per il rilancio delle acciaierie)? Anche il Sindaco ha dichiarato di accettare il rigassificatore se in cambio verranno effettuate le bonifiche e spostata la fabbrica lontano dalla città. Tutto questo mentre ignorano del tutto l’invito ad approfondire la ben più virtuosa ipotesi espressa da un assessore di San Vincenzo legata all’idrogeno.

Hanno già detto di sì dunque, dandoci a intendere che come cittadini avremo qualcosa in cambio. Avremo solo promesse ed una colossale fregatura che ci metterà in pericolo costante, oltre ad una nuova fonte di inquinamento del mare che affosserà definitivamente la possibile diversificazione e lo sviluppo della nostra città».

LA PIAZZA VAL DI CORNIA

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 22.3.2022. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    58 mesi, 21 giorni, 8 ore, 16 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it