SANITA’: BLOCCO DELLE ASSUNZIONI DEL PERSONALE IN TOSCANA

FIRENZE – Davvero un brutto fine di anno per la sanità toscana. In una nota congiunta di CGIL-CISL-UIL FP, i tre sindacati evidenziano che nella nostra regione, «si ignora la necessità di effettuare migliaia di assunzioni e si mettono a rischio anche quote di salario per chi è già in servizio. Tutto questo accade mentre è ancora in atto lo stato di agitazione del personale del SSR e nel mezzo di una trattativa dove il nodo centrale era proprio eliminare il blocco delle assunzioni del personale deciso questa estate dalla Regione Toscana».

Cosa significa in termini pratici per la Val di Cornia? Ce lo spiega Paolo Camelli che evidenzia che «la pandemia è posta interamente sulle spalle degli operatori oramai in ginocchio dopo 2 anni di lotta contro il Covid e sui Cittadini che si troveranno nuovamente a dover rinunciare ad importanti cure come la Riabilitazione di Campiglia, la riduzione dei posti letto di medicina, la chiusura della metà delle sale operatorie il blocco delle attività specialistiche ambulatoriali. La responsabilità di questa grave situazione é in primis in capo al Governo Nazionale che non provvede a stanziare risorse straordinarie per la sanità pubblica ed anche della Regione Toscana che mettendo il limite di spesa riferito all’anno 2019 determina una riduzione di circa 900 operatori nella Asl Nord Ovest di cui circa 80 nella zona Valli Etrusche».

Leggiamo insieme integralmente la nota sindacale.

__________________________________________

«Facciamo riferimento alla comunicazione che il Neodirettore dell’Assessorato alla Sanità, Federico Gelli, ha inviato ieri ai Direttori Generali delle Aziende ed Enti del SSR: si tratta di un atto grave nei modi e nei contenuti, che blocca completamente le assunzioni nel sistema sanitario regionale, riportando ai numeri del 2019 le dotazioni di personale della sanità toscana.
Di fatto si ignora la necessità di effettuare migliaia di assunzioni, e si mettono a rischio anche quote di salario per chi è già in servizio.

Tutto questo accade mentre è ancora in atto lo stato di agitazione del personale del SSR, durante una vertenza aperta a livello regionale e in piena trattativa con le organizzazioni sindacali, dove il nodo centrale era proprio eliminare il blocco delle assunzioni del personale deciso questa estate dalla Regione Toscana. Con questa nuova determinazione dell’Assessorato di fatto saltano il tavolo e il confronto con i Sindacati.
Inoltre, questa scelta, l’ennesima, favorisce ancora una volta lo spostamento delle attività verso il settore privato, come già sta accadendo in questi giorni per il sistema diagnostico: la scelta di utilizzare i test antigenici presso le farmacie introduce un ulteriore, surrettizio elemento di privatizzazione.

La disposizione ci è stata inviata ieri, 30 dicembre 2021, con una lettera dove si imputano queste scelte allo “stallo nelle trattative con gli organi politici” (testuale): con questa dichiarazione, di fatto, gli organi tecnici dell’assessorato alla salute assumono la guida delle politiche sanitarie in Toscana.

Si tratta di una delegittimazione del confronto tra le parti sociali che non tiene conto dello sforzo dei lavoratori della sanità ed anche del sistema sociosanitario ad essa collegato, ancora sotto piena pressione dal marzo 2020: lavoratrici e lavoratori che non hanno più regole contrattuali e certezze e che nonostante ciò continuano responsabilmente a sostenere ogni sforzo, con la difficoltà di credere ancora in una conduzione politica organizzata che sembra priva di un progetto.

Questi atti da parte del governo regionale non saranno privi di conseguenze, come è immaginabile. Fin dal marzo 2020 abbiamo tenuto un atteggiamento responsabile e trasparente, sia con le Aziende sia con la Regione, abbiamo sostenuto lavoratrici e lavoratori impegnati in uno sforzo senza eguali, assistendo a questo risultato, quello di ignorare le necessità di chi lavora per procedere unilateralmente ignorando il confronto con le Organizzazioni Sindacali.

Di fronte a questa deliberata, gravissima scelta, l’unica strada percorribile non rimane che la lotta».

Bruno Pacini Segretario generale Fp Cgil Toscana
Mauro Giuliattini Segretario generale Fp Cisl Toscana
Mario Renzi Segretario generale Uil Fpl Toscana

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 31.12.2021. Registrato sotto Foto, sociale, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    65 mesi, 1 giorno, 3 ore, 11 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it