PIOMBINO, POTENTI (LEGA): BASTA RITARDI SU SVILUPPO PORTO

l’onorevole manfredi Potenti

Piombino (LI) – «La possibilità di un utilizzo propositivo delle aree demaniali del porto di Piombino, beni pubblici di particolare importanza per il sistema produttivo e commerciale italiano, è sotto un complesso stallo a causa dei ritardi rispetto agli investimenti privati sulla acciaieria da parte di JSW. Una situazione assurda ed ingiustificabile di cui presto, qualcuno dovrà rendere conto allo Stato ed al sistema imprenditoriale» commenta l’On. Manfredi Potenti, deputato toscano della Lega-Salvini Premier.

«Ho presentato un’interrogazione al Ministero Infrastrutture e Trasporti, supportato in questa battaglia dalla Sezione comunale e dal Dipartimento infrastrutture e trasporti della Lega, per conoscere se e quali provvedimenti intenda il Governo assumere per restituire la rapida disponibilità alle centinaia di migliaia di metri quadri di aree demaniali perimetrate all’interno dell’area dello stabilimento e che sono oggetto di una concessione demaniale sessantennale, scaduta nel 2011. Da allora, la concessione è stata rinnovata e prorogata in capo alle società Lucchini, Lucchini in Amministrazione Straordinaria, Cevital, Aferpi, JSW Steel Italy/Piombino logistics.

È quindi ora di richiamare le parti in causa alle proprie responsabilità rispetto alla vicenda che ha visto e vede la locale Autorità di Sistema Portuale denunciare ritardi e generali situazioni di rischio sulla legittimità e liceità di questa situazione che non è ora più tollerabile. Gli effetti di questi ritardi, sono, appunto, quelli di un rallentamento di ogni proposito di sviluppo sul porto di Piombino”. Lo dichiara l’On. Manfredi Potenti, deputato toscano della Lega-Salvini Premier».

 

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 25.3.2021. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    49 mesi, 2 giorni, 11 ore, 56 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it