SAN VINCENZO: SI E’ DIMESSO IL SINDACO BANDINI

San vincenzo (LI) – In una lettera indirizzata al segretario generale del comune di San Vincenzo, ai consiglieri comunali, al prefetto di Livorno e all’ufficio protocollo, il sindaco Alessandro  Massimo Bandini ha comunicato le sue dimissioni. A Livorno nel frattempo è scoppiata un’altra grana giudiziaria nell’amministrazione comunale, con l’ipotesi della procura che ha portato a due arresti e alla sospensione per un anno dall’attività professione di altre otto persone, soprattutto agenti immobiliari e costruttori, tra cui l’ex presidente di Confindustria Alberto Ricci.

________________________________________

ADESSO CHE SUCCEDE NEL COMUNE DI SAN VINCENZO?

Le dimissioni del sindaco di San Vincenzo Alessandro Bandini diventano realmente efficaci e irrevocabili trascorso il termine di venti giorni dalla loro presentazione (ART 53 TUEL).

Il Vicesindaco Delia Del Carlo, la giunta e il consiglio comunale in questo periodo hanno solo poteri di ordinaria amministrazione. Dopo di che inizia la procedura di scioglimento del consiglio comunale e cessano tutte le cariche politiche, gli articoli 90 e 110 che interessano gli uffici di supporto all’amministrazione comunale e gli incarichi a contratto.

L’avvio della procedura spetta al prefetto che nomina un commissario, detto prefettizio, fino alla conclusione del procedimento di scioglimento che termina con decreto del presidente della Repubblica, su proposta del ministro dell’Interno, entro 90 giorni.

In questi tre mesi, sempre con decreto del presidente della Repubblica, viene nominato un commissario straordinario, i cui poteri sono identici a quelli, sommati, del consiglio comunale, della giunta e del sindaco. Commissariamento del Comune che terminerà con l’indizione di nuove elezioni amministrative, probabilmente nella prossima primavera.

_______________________________________

RIPORTIAMO INTEGRALMENTE LA LETTERA DI DIMISSIONI DELL’ORMAI EX SINDACO BANDINI:

Alessandro Massimo Bandini

«Nel prendere atto delle gravi accuse che mi vengono mosse e nel protestare la mia totale innocenza ma soprattutto nel rispetto che devo alla carica istituzionale che ricopro e all’autorità giudiziaria, in cui ripongo la massima fiducia, rassegno le mie irrevocabili dimissioni dalla carica di sindaco, augurando ogni bene alla cittadinanza di San Vincenzo. Gli ultimi avvenimenti non hanno potuto che farmi prendere atto dell’assenza delle condizioni personali per continuare a svolgere con serenità il mio compito di sindaco.

Le mie dimissioni sono state il frutto di un meditato e approfondito ragionamento personale e politico. Ovviamente rimanendo fermo sulla mia decisione, respingo al mittente ogni possibile tentativo di strumentalizzazione della mia persona e rifuggo da qualsiasi forma di vittimismo. Ho sempre pensato che avrei fatto un passo indietro nel momento in cui mi fossi reso conto che la mia visione politica non fosse stata più coerente con le aspettative dei miei cittadini. Il mio intento era restituire certezze a San Vincenzo nel migliorare e aumentare i servizi ai cittadini, puntando a limitare la pressione tributaria già oggi realtà. Ho speso ogni giorno di questa esperienza operando nel pieno e rigoroso rispetto delle prerogative che le norme di legge attribuiscono al ruolo politico e istituzionale dell’amministratore pubblico, mettendomi a totale disposizione della comunità.

Ringrazio i tanti che hanno creduto in questa e nella precedente esperienza di governo che oggi sento vicini con partecipazione sentita e emotiva alla mia vicenda personale.

Buona vita a tutti: ai cittadini, ai dirigenti, agli assessori e ai consiglieri comunali che mi hanno accompagnato in questa avventura e che ringrazio di cuore, a tutti gli impiegati comunali che hanno lavorato sodo, alle associazioni sportive, culturali e di volontariato, agli amici veri, alla mia famiglia che mi ha supportato e soprattutto ‘sopportato’ e ha subito con pazienza le mie assenze e le mie mancanze, agli estimatori, ai detrattori. A tutti, ma proprio a tutti. Buona vita alla mia amata San Vincenzo, nel mio cuore per sempre».

Alessandro Massimo Bandini

_________________________________

 

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 13.3.2021. Registrato sotto Foto, politica, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    45 mesi, 14 giorni, 22 ore, 49 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it